Misha. Io, i miei tre fratelli e un coniglio, Edward van de Vendel, Anoush Elman

Io sono Roya e ho nove anni. Sono nata in Afghanistan. Lì avevamo una casa nella capitale, con un giardino pieno di rose e colombi sul tetto, ma non ricordo più molto.
Quando avevo tre anni ci siamo messi in viaggio. Papà insegnava alle bambine, che era proibito. Aveva anche pensieri liberi, e anche quelli erano proibiti.

La recensione di Misha. Io, i miei tre fratelli e un coniglio di Edward van de Vendel, Anoush Elman

Il libro Premio Anderson 2024 nella categoria 6/9 anni è un racconto superlativo su cosa significhi famiglia, identità, immigrazione e complicità, il tutto raccontato dal punto di vista di Roya, nove anni.

Vivere in Olanda, in una casa tutta loro, è un sogno che si avvera per la famiglia della bambina. Ci sono voluti svariati mezzi di trasporto e tanti chilometri percorsi a piedi, più cinque anni di centri di accoglienza e innumerevoli richieste di cittadinanza per avere un posto dove rimanere.

Per Roya però una casa, per essere tale, deve avere un animaletto e così prende Misha, morbido, bianco e molto dolce.

La mia opinione su Misha. Io, i miei tre fratelli e un coniglio di Edward van de Vendel, Anoush Elman

Misha. Io, i miei fratelli e un coniglio è un libro che arriva dritto al cuore e che emoziona. Fa riflettere su cosa significhi partire lasciando tutto dietro di sé, abbandonare certezze, luoghi amati e sperare di arrivare.

Roya ricorda poco del viaggio e allora chiede a tutti di raccontargliene un pezzetto e questi racconti che di bocca in bocca arrivano alle sue orecchie risvegliano anche nei familiari numerosi ricordi: uomini che li controllavano, le giornate passate nascosti senza cibo o coperte, le foto bruciate per non lasciare tracce.
Il piccolo Misha sarà la spinta per Roya per saperne di più e decidere infine di condividere i ricordi con i compagni di classe. Raccontare allontana i fantasmi del passato rendendo tutto più vivido ma anche meno doloroso.

Edward van de Vendel scrive con tocco leggero una storia di grande attualità riuscendo a narrare fatti drammatici stemperandoli attraverso gli occhi di Roya e le avventure del piccolo Misha.
È un libro che colpisce nel profondo e che parte dalla storia vera di Anoush Elman, afghano fuggito con la sua famiglia e ora cittadino olandese.

Un inno alla patria che scegliamo, al coraggio e alla forza di andare sempre avanti. E se le foto bruciate non potranno mai più essere guardate e i ricordi sbiadiranno negli anni a venire Roya sa che l’amore della sua famiglia sarà sempre la pietra angolare su cui poggiarsi.
Buona lettura.

Misha. Io, i miei tre fratelli e un coniglio
Edward van de Vendel, Anoush Elman
Sinnos, 2024,p. 96, €. 13,50

Puoi acquistarlo qui >>>

 

SIBY
Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here