Home Rubriche Tatti: donne e violenza

Tatti: donne e violenza

0
thumbnail

Un nuovo guest post, un nuovo fumetto. Parliamo ancora di violenza.

Violenza contro le donne, stavolta.

E lo facciamo con un’amica blogger, Tatti, simpaticissima creatrice della mitica Tattina: le abbiamo chiesto una vignetta a tema per il nostro mese contro la violenza, per dire tutti insieme, ancora una volta, Noi Non Abbiamo Paura.
Ringraziamo Tatti per aver accettato con entusiasmo la nostra proposta: una donna che parla ad altre donne, un’amica che parla ad amiche, perché esistono cose che non vanno taciute, che devono venire allo scoperto, che dobbiamo aver la forza di denunciare, che si devono conoscere per non averne più paura…

Quello che Tatti ci regala è un momento di riflessione, un’immagine, un grido da far arrivare a chi stia soffrendo per quello che accade all’interno delle proprie mura domestiche:

Questo è quello che penso, e mi si smuove un dolore, un fastidio devastante per l’impotenza, quando sento storie di donne che subiscono da anni violenze domestiche, e pur soffrendo da morire non denunciano, stanno zitte.

La domanda è: cosa fareste, se foste certe che una vostra amica subisce da tempo violenze domestiche, ma ancora non ha la forza di ammetterlo, e cerca di nasconderlo ogni volta?

NON

vergognarti,

giustificare,

subire,

colpevolizzarti.

La violenza sulle donne non ha mai ragione.

NON

aver paura, denuncia.

.

E voi? Come rispondete a questa domanda?

Zebuk, fatto tutto da donne, dà una prima risposta: Telefono Rosa. 06.37.51.82.82. 

E vorremmo raccogliere testimonianze e link utili, per aiutare chi è in difficoltà a dire, una volta per tutte, Io Non Ho Paura. Se avete informazioni, link di associazioni sul territorio che aiutano le donne vittime di violenze domestiche, scriveteli qui, nei commenti, noi li inseriremo in questo post, sperando che ce ne sia sempre meno bisogno…

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

NO COMMENTS

Leave a Reply