Un ombra ben presto sarai, Osvaldo Soriano

Non mi era mai capitato di restare senza un soldo in tasca. Non potevo comprare niente e non avevo più niente da vendere. Finché ero in treno mi piaceva rimirare il tramonto sula pianura, ma adesso mi lasciava indifferente e faceva tanto caldo che aspettavo con ansia il calare della sera per stendermi a dormire sotto un ponte. Prima che facesse buio mi ero messo a guardare una cartina perchè non avevo idea di dove fossi. Era stato un giro assurdo, avanti e indietro, e adesso mi trovavo al punto di partenza in un posto identico.

C’è tutto il sapore della pampa in questo bellissimo romanzo di Osvaldo Soriano; i pesaggi sconfinati, i confini irriconoscibili, i paesi fantasma.
Un’Argentina che sta decadendo, in balia di personaggi di dubbia moralità e di una terribile corruzione. Il protagonista è un uomo che viaggia senza meta, cercando un paese o una famiglia che non c’è. Dopo aver perso tutto, i personaggi di questo scritto tentano l’ultima mano a Truco, e con il colpo da maestro vorrebbero rifarsi di una sorte maligna e anche ironica. E allora la cartomante che gira con una macchina piena di cose da mangiare, parcelle in natura della sua attività, diventa una donna volitiva e capace di difendersi. Il proprietario di un circo caduto in rovina, è il compagno di una parte del viaggio del protagonista, e insieme a lui vede un futuro possibile nel mezzo della foresta boliviana.

Soriano è un sognatore disincantato; sa che nessuna redenzione è possibile, e lo grida con furore. Ma non rinuncia a raccontare i sogni, le speranze, che muovono i passi di soggetti vulnerabili e marginali. Con uno sfondo malinconico e illimitato, il protagonista della storia e gli altri comprimari, continuano a cercare una svolta, il cambiamento, il coup de teatre che possa riscattarli. Come tutta la natura che sta loro intorno, le figure descritte nel romanzo incrociano tante strade, lunghe e diritte, e si incrociano tra loro, ma non riescono a trovare la via giusta. Tra sorrisi amari e sospiri malinconici, questo libri scorre velocissimo e si legge d’un fiato.

Dice l’autore, durante l’intervista relativa al film tratto dal libro: “In un certo senso la storia è morosa come i sogni. Quel paese che l’ingegnere lasciò per andarsene a Roma non esiste più, ma lui va a cercarlo dentro se stesso. E’ un viaggio circolare, un viaggio interiore. Le tappe percorse non sono esperienze che si accumulano; tutto succede e sfuma allo stesso tempo, in quell’istante immutabile nel quale i ricordi personali si giocano alle carte…”

Un libro poetico e intenso, da non perdere.

Un ombra ben presto sarai
Osvaldo Soriano
Prezzo: € 16,53
Dati: 1991, 222 p.
Editore: Einaudi (collana Supercoralli)

Sono quella che legge due libri contemporaneamente, quella che ha l'e-reader, io piango quando la scrittura è bella, divento il protagonista del libro. Curiosa, tento di infilarmi in tutti i generi, scegliendo tra i grandi classici e osando nuovi autori. L'unica certezza che ho: non mi basterà questa vita per finire la mia lista dei desideri. "Io penso, disse Anna sfilandosi un guanto, che se ci sono tanti ingegni quante teste, ci sono tanti generi d'amore quanti cuori" (Anna Karenina)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here