Al buio, Patricia Cornwell

La casa in cui Win è cresciuto con la nonna è in una zona molto diversa da Cambridge. E’ una villetta malconcia, coperta di edera, con il giardino pieno di piante, fiori e alberi, con vaschette per gli uccellini e parecchi nidi di pipistrello. Il vialetto non è asfaltato e la moto slitta e sobbalza sulle buche. Win la lascia vicino alla vecchia Buick di Nana. Appena si toglie il casco, sente tintinnare le campane a vento, come magici canti lontani, come se tutto intorno alla casa abitassero spiriti benevoli che, secondo sua nonna, scacciano quelli malvagi. Fra loro, riflette Win, ci sono anche i vicini egoisti, maleducati e dalle vedute ristrette, che litigano per il parcheggio sotto casa e guardano in cagnesco le persone che la vanno a trovare.

La recensione di Al buio, Patricia Cornwell

Win Garano, l’impeccabile e implacabile protagonista di “A rischio”, questa volta si ritrova nell’umiliante posizione della vittima. Vittima di un aggressivo procuratore distrettuale, Monique Lamont, ambizioso e senza scrupoli, si reca a Watertown, un piccolo centro del Massachussets, per riaprire un caso irrisolto di omicidio, risalente a quarant’anni prima. Watertown, però, è anche la sede del FRONT, un’organizzazione informale che riunisce alcuni dipartimenti di polizia decisi a ritagliarsi un’autonomia sempre maggiore, con buona pace del procuratore. Con il passare dei giorni e il progredire delle indagini, nel detective maturerà la consapevolezza di trovarsi imprigionato in un labirinto di specchi deformanti, una trappola dove verità e menzogna sembrano mescolarsi in un’unica ombra minacciosa. [fonte: Amazon]

La mia opinione di Al buio, Patricia Cornwell

Non sono un’amante dei gialli e dei polizieschi, più che altro per lo stato di tensione in cui di solito mi lasciano. Questo libro della famosissima mamma di Kay Scarpetta, Patricia Cornwell, però, non è stato poi così tremendo: una storia interessante, con particolari studiati e descritti senza pause ma con un ritmo non troppo serrato. Una nonna divertente, che è già di per sé “personaggio”, con pozioni e filtri sparsi per casa, con specchi ottagonali che allontanano le energie negative. Un finale che non mi sarei aspettata, un po’ deludente, però. Ma questa è solo la mia opinione: la cosa migliore da fare è provare a leggerlo e… “vedere l’effetto che fa”!
Poi però venite a raccontarmelo, eh! 😉

Il film tratto da Al buio, Patricia Cornwell

Dal libro della Cornwell è stato tratto un film, interpretato da Andie MacDowell e Daniel Sunjata, diretto da Tom McLoughlin. Non ho visto il film ma mi piace la MacDowell e… poi, diciamocelo: sarei curiosa di vedere come è stato caratterizzato il personaggio della nonna… 🙂

***

Al buio
Patricia Cornwell
Mondadori (collana Oscar bestsellers), 2011, 196 pagine, € 9,50
ISBN: 978-8804609360
Dove acquistarlo: Amazon

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here