Giorno 20 : I film di Zebuk, Il Grinch

Grinch:Chi vuole del tacchino?
Ospite:IO!!!!
Grinch:Sbagliato!!!Me lo pappo io!

La recensione del film Il Grinch

Immaginate un paese tutto tondo, dove non esistono angoli e spigoli, dove tutte le case sono colorate e allegre, dove tutte le persone grandi e piccole fanno enormi sorrisi e hanno il naso all’insù e buffe acconciature. Immaginate ora che l’attività principale sia occuparsi del Natale: le decorazioni, le cene tutti insieme, le luci dentro e fuori casa, i festoni, gli addobbi, i canti e gli immancabili regali avvolti in lucida carta colorata. 
Ecco questo è il paese di Chinonso.

Tutti sembrano appagati da questo Natale, tutti tranne la piccola Cindy Lou che crede che Natale significhi qualcosa in più oltre i regali.
Così la piccola convince gli altri ad invitare ai festeggiamenti il Grinch che da anni vive da solo sul monte vicino alla discarica col fido cane Max come unica compagnia.
Il Grinch è verde, peloso, con un pessimo carattere e detesta tutte le frivolezze della città di Chinonso però accetta l’invito della piccola Cindy Lou salvo poi offendersi e decidere di rubare il Natale a quegli sciocchi abitanti.
Riusciranno gli abitanti di Chinonso a riavere il Natale?
E il Grinch è davvero così antipatico e odioso?

La mia opinione sul film Il Grinch

Il Grinch è uno dei MUST del Natale americano perché contiene un messaggio universale di amore, affetto e tolleranza che sono poi gli ingredienti del vero Natale; allo stesso tempo critica lo sfrenato consumismo che vede al centro della festa i preparativi e i doni.

Tratto da un libro del Dr. Seuss il film è interpretato da uno smagliante Jim Carrey che presta le sue movenze da cartone animato al personaggio e rende una interpretazione memorabile di questo essere verde, scorbutico e autocelebrativo.
Perché il Grinch si è talmente abituato a stare da solo che si è convinto che questa sia la vita migliore.
In fondo, quando da bambino viveva nella città di Chinonso, tutti lo trattavano male e lo deridevano per il suo aspetto diverso: quindi non è meglio starsene da soli, dopo tutto?
Alla fine del film grazie alla piccola Cindy Lou il nostro protagonista si ricrederà e troverà affetto e amore dove credeva non ci fosse altro che stupidità.

Questo film è divertente come i bastoncini di zucchero appesi all’albero, colorato come gli addobbi ricoperti di brillantini e riscalda il cuore come una bella cioccolata calda, insomma è proprio uno di quei film da feste, vacanze e pomeriggi sul divano.
I bambini si divertiranno un mondo con le buffe smorfie di Jim Carrey e le arcigne risposte del Grinch mentre i grandi riscopriranno il vero sentimento di una festa che troppo spesso è solo sinonimo di spese e corse al regalo più adatto.
Buona visione.

 

Titolo originale : How the Grinch Stole Christmas, Genere : Fantastico, Regia : Ron Howard, Cast : Jeffrey Tambor, Jim Carrey, Taylor Momsen, Christine Baranski, Bill Irwin, Durata : 105 min.

 

 

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here