La luce del Nord, A. J. Cronin

La recensione di La luce del Nord di A. J. Cronin

Henry Page è il direttore di un piccolo giornale di provincia chiamato La luce del Nord. Uomo integro, vede il giornalismo come una missione per educare i lettori a pensare, Page rifiuta di vendere il giornale alla concorrenza. Per nulla al mondo cederebbe ad altri il quotidiano appartenuto alla sua famiglia da generazioni. Purtroppo il grosso colosso di Londra interessato a comprare La luce del Nord tenterà di tutto per minare la credibilità del giornale e del suo direttore fino ad arrivare a rivangare una vecchia storia che potrebbe arrecare del male a molte persone.

La mia opinione su La luce del Nord di A. J. Cronin

La cosa che più mi sorprende dei libri di Cronin è la loro attualità anche a distanza di anni. Questo romanzo è stato scritto nel 1958 eppure la riflessione che scaturisce dalla sua lettura è attuale come non mai. Il giornalismo come sensazionalismo a tutti i costi, il giornalismo che fa notizia è migliore, e ha più valore, del giornalismo inteso come un mestiere serio fatto di notizie verificate con attenzione e cautela? La libertà di stampa significa scrivere tutto su tutti in assoluta libertà senza curarsi delle conseguenze? Ed è giustificabile la minaccia di usare informazioni delicate per ottenere qualcosa riparandosi sotto l’egida del diritto all’informazione?

Cronin ancora una volta pone il lettore davanti a due modi di vivere: seguire la coscienza oppure infischiarsene. Page preferisce la dirittura morale e seguire i suoi ideali di lealtà nei confronti dei lettori e del giornale. E’ un personaggio che pagherà le sue scelte a caro prezzo. E io mi chiedo: quanti al giorno d’oggi farebbero la stessa cosa?

Anche se non è uno dei migliori dello scrittore La luce del Nord è comunque una lettura scorrevole  che vale la pena di leggere.

La luce del nord

A. Joseph Cronin
Bompiani, 1978, €. 5,16
ISBN: 8845205827

 

Per acquistare:

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here