Ricette letterarie: Pan pepato, Mr Zuppa Campbell, il pettirosso e la bambina, Fannie Flagg

La mattina di Natale, Patsy si svegliò presto e scese in cucina già vestita.

“Oggi vedrò Jack” annunciò a Frances. “Sono sicura!”

Frances sospirò. “Non sperarci troppo, tesoro. Magari è lontano da qui con i suoi pulcini, come facciamo a saperlo? Non vuoi aprire i tuoi regali? È Natale!”

“Posso aprirli più tardi? Dopo che avrò visto Jack?”

Abbiamo letto Mr Zuppa Campbell, il pettirosso e la bambina un po’ di tempo fa, con il Gruppo di Lettura, e – come spesso accade con i libri di Fannie Flagg – è rimasto nel cuore a tutti: apparentemente leggero e un po’ sdolcinato, sa come lasciarti quel retrogusto dolce che dovremmo sentire sempre nella vita. E quello zenzero fa prontamente da contrappunto: i giusti ingredienti della vita, il dolce e il piccante!

Le storie gemelle di Oswald e della piccola Patsy fanno commuovere ma ancor più intenerisce l’esistenza di persone dal cuore grande, che accolgono e coinvolgono chi in altri luoghi sarebbe stato emarginato.

E più ancora fa sorridere e rasserenare l’idea che una bambina creda talmente ad una cosa, che il suo desiderio sia così forte da riuscire a far accadere un vero e proprio miracolo:

“L’ho visto! Ho visto Jack! sapevo che sarebbe venuto!”
“Dove l’hai visto?”
“Qui. Si è posato sul davanzale e mi ha fatto l’occhiolino. Era lui, sono sicura. È tornato!”
Frances andò alla finestra, e non poté quasi credere ai suoi occhi. Smise addirittura di respirare. Per quanto fuori cominciasse appena ad albeggiare, vide che il giardino e gli alberi erano completamente coperti di neve. (…) Quando si affacciò vide che il terreno era coperto di camelie rosse che dovevano essere cadute dalle piante. (…)

Note sul libro Mr Zuppa Campbell, il pettirosso e la bambina, Fannie Flagg

zuppaL’inverno è alle porte e l’anziano Mr. Campbell (orfano dalla nascita, porta il nome della famosa minestra pronta perché, quando lo ritrovarono, nella culla ne aveva accanto una lattina), viene avvertito dal medico che se non cambierà clima non vedrà la primavera. Allora lui fa le valigie per Lost River, Alabama, diretto a un albergo che potrebbe fare al caso suo. Quando arriva scopre che l’albergo è andato a fuoco, ma viene accolto dalla piccola comunità del villaggio. E da una bambina che va in giro scalza, zoppica e gioca tutto il giorno con un pettirosso. Anche lei, come Mr. Campbell, non conosce la data del suo compleanno…
Leggi la recensione di Mr Zuppa Campbell, il pettirosso e la bambinadi Fannie Flagg.

Ecco il Natale! Ecco che il profumo di zenzero, fino a poco tempo fa inesistente sulle nostre tavole, esce da ogni forno, da ogni tazza di tisana fumante, da ogni pacchetto regalo opportunamente decorato. A me piace tantissimo quel pizzicore stuzzicante, tanto da abbondare anche quando ci sono di mezzo pietanze da far mangiare ai bambini, soprattutto nei dolci invernali ma non solo. Loro apprezzano (almeno i miei) e da quando abbiamo provato questo dolce, “zenzero” è la parola più inflazionata nella nostra casa:

– Mamma, ma qui c’è lo zezzero?

– Mamma, nel pollo manca lo zezzero!

Il panpepato in questione non è quello che ci aspetteremmo, sotto forma dei classici biscotti natalizi (qui trovate la ricetta di Zebuk per i biscotti da preparare con i bambini), decorati con la glassa o meno, né quello della tradizione italiana, che contiene frutta secca, uvetta, cioccolato e pepe al posto dello zenzero. Questo panpepato viene direttamente da Lost River, nel profondo sud dell’Alabama, e a quanto scritto nel libro è il preferito della piccola Patsy. Lo dedichiamo a lei, allora, e a tutti quelli che vogliono immergersi, almeno per un po’, nell’atmosfera incantata di questo Natale magico: vi scalderete al primo assaggio!

(Un piccolo appunto devo farlo, però, e riguarda la salsa di accompagnamento del dolce, un po’ troppo burrosa per i miei gusti. Con qualche accorgimento però si può rendere più delicata e più adatta al proprio gusto: io la prossima volta diminuirò il burro di almeno 1/3…)

La ricetta: Pan pepato (il preferito di Patsy)

WP_20131215_003

ingredienti (per 6 persone)

  • 2 tazze e ½ di farina
  • 1 cucchiaio e ½ di lievito per dolci
  • ½ cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • ½ cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • ²⁄3 di tazza d’acqua
  • ¹⁄3 di tazza di burro fuso
  • 1 tazza di melassa (io ho usato il miele)
  • 1 uovo sbattuto

preparazione

  1. Preriscaldare il forno a 180°. Unire gli ingredienti secchi in una grande ciotola e mescolare bene. In un’altra ciotola unire l’acqua, il burro fuso, la melassa e l’uovo sbattuto, quindi aggiungerli a poco a poco alla farina, sempre mescolando.
  2. Versare il composto in una tortiera quadrata di 22 cm di alto e cuocere in forno per 35-40 minuti, oppure fino a quando uno stecchino infilato nel mezzo non viene fuori asciutto.
  3. Servire tiepido con Salsa al Limone

Salsa al Limone
ingredienti

  • ½ tazza di zucchero
  • 1 cucchiaio e ½ di farina
  • 1 tazza di acqua
  • 3 cucchiai di succo di limone
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai di burro ammorbidito a pezzetti

preparazione

  1. Unire in un piccolo tegame lo zucchero e la farina, e mescolare bene.
  2. Versare sempre mescolando l’acqua, il succo di limone, il sale, facendo attenzione a evitare la formazione di grumi.
  3. Portare a bollore a fuoco medio, mescolando finché si scioglie lo zucchero.
  4. Ridurre il fuoco e far sobbollire per 1 minuto.
  5. Togliere dal fuoco e con la frusta aggiungere il burro, una cucchiaiata alla volta.
  6. Servire tiepida o a temperatura ambiente.

Mr Zuppa Campbell, il pettirosso e la bambina
Fannie Flagg
BUR (collana Narrativa), 2009, € 8,90, pag. 235
ISBN: 978-8817028486

 

Desiderate da tempo la collezione completa dei libri (e delle ricette) di Fannie Flagg? Cliccate qui e pensate finalmente al regalo giusto per voi!
I libri di Fannie Flagg

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here