Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto, Kritsy Moseley

Ero seduta sul bancone della cucina, e guardavo mia madre che preparava la pasta al forno; era abbastanza preoccupata, e guardava l’orologio ogni due minuti. Sapevo perché: mio padre sarebbe tornato a casa di lì a diciassette minuti esatti, e a lui piaceva che la cena fosse servita in tavola appena rientrava. Jake entrò, con il suo Spider-Man in mano. “Mamma, posso andare a giocare da Liam?”, domandò scoccandole uno sguardo da cucciolo. Lei lanciò una nuova occhiata all’orologio e scosse il capo rapidamente. “Non ora, Jakey. La cena è quasi pronta e dobbiamo mangiare tutti insieme, come una famiglia”. Ebbe come un lieve sussulto, mentre lo diceva.

Amber Walker e suo fratello maggiore, Jake, hanno un padre violento. Una notte, dopo che Jake è stato picchiato per difendere Amber, lei si rifugia nella sua camera a piangere terrorizzata. Ha solo 8 anni ma il copione in casa è sempre lo stesso.
Quella notte Liam, il vicino di casa, nonechè migliore amico di Jack, la vede piangere e si arrampica attraverso la finestra della sua camera da letto per consolarla. Solo che si addormentano così. E da quel momento lo fanno ogni notte. Sempre per lo stesso motivo: Amber riesce a dormire solo se Liam è con lei.

Passano 8 anni da allora. Liam non ha mai avuto una ragazza fissa prima. Amber è ancora emotivamente segnata da abusi che ha subito per mano di suo padre.
Il loro rapporto è bastato su amore/odio: di notte lui la protegge. Di giorno la indispettisce.
Cosa succederà quando Amber inizia a vedere Liam sotto un’altra prospettiva? E come reagirà suo fratello Jake, da sempre fin troppo protettivo nei suoi confronti, quando scoprirà che la relazione tra i due sta diventando qualcos’altro?

Questo libro non so se mi è piaciuto o no. La storia è carina, è scritta bene, in modo scorrevole.
Però….però dai… Amber e Liam dormono insieme da 8 anni e nessuno, dico nessuno se ne accorge? Nessuna mamma butta un occhio nella camera del proprio figlio?
E poi, dopo tutto quello che Amber e Jack hanno sopportato dal padre, li ritroviamo adolescenti con una mamma fuori per lavoro per intere settimane.

Un’ultima nota la merita il titolo.
Ora, il titolo originale era “The boy who sneaks in my bedroom window“, che letteralmente era “Il ragazzo che si intrufola dalla finestra della mia camera da letto”. Che aveva anche un senso, data la storia. Perchè in Italia è diventato “Il ragazzo che entrè dalla finestra e si infilò nel mio letto”?
No, dico perchè? Vero è che un libro non si deve giudicare dalla copertina (e dal titolo), ma perchè sembra che ultimamente in Italia si venda solo se tutto si riconduce al letto?

Insomma, una lettura leggera, una storia simpatica, da leggere giusto in momenti in cui non ci si vuole impegnare in letture più “importanti”.

Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto
Kritsy Moseley
Newton Compton, 2014, p. 347, €. 8,42

Per acquistare:

Nicoletta
Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here