Settembre: libri e divieti

È proibito
piangere senza imparare
svegliarti la mattina senza sapere che fare
avere paura dei tuoi ricordi.
È proibito non sorridere ai problemi,
non lottare per quello in cui credi
e desistere, per paura.
Non cercare di trasformare i tuoi sogni in realtà.
È proibito non dimostrare il tuo amore,
fare pagare agli altri i tuoi malumori.
[…]

Avete mai letto questa poesia tutta intera? Sapete che è stata erroneamente attribuita a Pablo Neruda ma che invece in realtà la paternità dell’opera è di Alfredo Cuervo Barrero?

Ma non è questo il punto. Il punto è che se cercherete in giro questa poesia e vi metterete a leggerla in un posto tranquillo, in pace con voi stessi, vi renderete conto di quanto sia vero quello che c’è scritto.

Queste sono le cose che devono essere proibite, anche secondo noi.
Non i libri.

E dopo le letture in libertà che ci hanno accompagnato per tutta l’estate, le liste nere dei libri da ritirare dalle scuole perché i panni sporchi si lavano in famiglia, i compiti delle vacanze, le polemiche e i libri da ombrellone, lo staff di Zebuk ha deciso che a settembre parleremo di divieti, censure e proibizioni.

settembre_non-puoi-leggerlo

Parleremo soprattutto di libri vietati. Di quei libri che – nel tempo – sono stati censurati, bruciati, eliminati perché “non erano adatti alla lettura da parte di”.

Sono così tanti i personaggi che andrebbero citati che ci limitiamo a due o tre casi celebri, il resto ve lo racconteremo tra le righe: dobbiamo ricordarvi il Decameron di Giovanni Boccaccio? oppure Niccolò Machiavelli? o Simone de Beauvoir? o magari Roberto Saviano? o la Allende con La casa degli Spiriti? già, c’è anche Salman Rushdie, c’è Alberto Moravia, ci sono Salinger e il suo giovane Holden, Lawrence e Lady Chatterley

Va bene, mi fermo. Credo abbiate capito che ci sarà molto da leggere, questo mese, vero? 🙂

settembre_alla-scoperta-leo-lionni

Grazie ad un ormai famoso sindaco e a una certa lista nera diventata ormai una lunga serie di consigli di lettura, ci siamo accorte di non aver mai dedicato uno speciale a Leo Lionni, grande artista e autore. Ci dedicheremo a lui, allora, e viaggeremo con i suoi colori e le sue storie!

Riprendiamo alla grande dopo queste meritate vacanze, siete tutti a bordo? Leggiamo!

[credits: morguefile.com e morguefile.com]

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here