Marzo: Donna, ragazzi e bullismo

Essere donna è un compito terribilmente difficile, visto che consiste principalmente nell’avere a che fare con uomini [Joseph Conrad]

Siamo a marzo, che per noi è il mese dedicato alla donna e alla sua festa. Saremo divertenti e un po’ acidule, questo mese, lo siamo già a partire dalla citazione iniziale! Per questo non detestateci, uomini che ci leggete: stiamo scherzando, anche se fino a un certo punto… 😉

marzo_donna

Le nostre letture per questo mese saranno dedicate alla donna in tutte le sue accezioni: dalla scrittrice di successo (è scomparsa qualche giorno fa Harper Lee, la famosa autrice di Il buio oltre la siepe, di cui è stato pubblicato qualche mese fa il secondo libro, Va’, metti una sentinella: ne parleremo) al romanzo che parla di donne in genere, alle storie (vere) di donne che si reinventano e si riscoprono, passando per le storie fantastiche di donne guerriere e per le opere teatrali che parlano proprio di donne.

marzo_attenti_bullo

Ai ragazzi dedichiamo invece un tema molto importante e sentito, quello del bullismo. Noi adulti – chi più chi meno – siamo già passati da quella fase adolescenziale in cui il branco sceglie una vittima da deridere e far oggetto di scherzi di ogni tipo, purtroppo. Abbiamo già sofferto per l’ennesima presa in giro e per gli scherzi pesanti. Oggi è giusto parlarne perché troppe volte si arriva a intervenire quando ormai è tardi, quando i giochi sono fatti e le vittime scelte. E – magari è un’opinione personale – a quanto pare le cose si stanno appesantendo: gli scherzi diventano sempre più gravi e le conseguenze di quegli scherzi fanno altrettanto. Parleremo di bulli e vittime da diversi punti di vista, per capire come agire, come difendersi, come affrontare il problema, come parlarne.

Sarà un mese di letture importanti, in onore della vita. Seguiteci, non ve ne pentirete!

[credits: morguefile.com]

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here