La signora di Wildfell Hall, Anne Brontë

Si può guardare nel cuore di una persona attraverso i suoi occhi e si può arrivare a conoscere l’altezza, la larghezza e la profondità dell’anima di un altro in una sola ora, mentre non ti basterebbe una vita per scoprirle se la persona non fosse disposta a rivelarle o se tu non avessi la sensibilità necessaria a comprenderle.

Una parte della casa di Wildfell Hall viene affittata ad una giovane donna che vive con il figlioletto e una vecchia cameriera.
La casa è abbastanza isolata ma i vicini non tardano a fare inviti e ad andare in visita per scoprire di più sulla donna.
La signora Graham, questo il nome della forestiera, è restia ad incontrare gente anche se a poco a poco la sua reticenza lascia spazio al piacere della compagnia, soprattutto quella del giovane Gilbert.
Frenare però le chiacchiere di un piccolo centro è impossibile e lo stesso Gilbert, pur se innamorato della donna, non tarderà a dar credito alle voci che girano in paese.
Sarà la lettura del diario della signora Graham a far scoprire a Gilbert luci e ombre della donna e a fidarsi solo del proprio cuore.

La signora di Wildfell Hall è il secondo romanzo di Anne Brontë e fu pubblicato nel 1848 con lo pseudonimo di Acton Bell.
La sorella Charlotte era contraria a questo libro perché lo riteneva un argomento poco adatto al pubblico ed anche perché uno dei personaggi principali era chiaramente ispirato al fratello Branwell.

Il romanzo è in forma epistolare e racconta sicuramente un personaggio femminile molto moderno per quegli anni.
Infatti la signora Graham non esita a fuggire da un marito infedele e da un matrimonio infelice e si mantiene col proprio lavoro.
L’autrice descrive molto bene le chiacchiere dei salotti intorno al tavolo del the e come queste possano diventare vere e proprio cattiverie.
La superficialità di quei salotti è ben ritratta così come il temperamento della protagonista che non si abbatte di fronte alle molteplici prove che la vita le pone davanti.
Personalmente ho preferito questo secondo romanzo di Anne Brontë alla sua prima opera, Agnes Grey; l’ho trovato avvincente e molto ben scritto con un’ampia analisi psicologica dei personaggi.

Esiste una trasposizione televisiva del romanzo in lingua inglese.
Buona lettura.

La signora di Wildfell Hall
Anne Brontë
Neri Pozza, 2014, p. 390, €. 13,90

Per acquistare:

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here