Se dico no è no, Annamaria Piccione, Viola Gesmundo

Ultima Modifica: Set 25, 2020

Mi chiamo Nico, ho dodici anni, vivo in un grande casolare fuori città e sono l’unico maschio di una famiglia di sole donne: la prima è la mia bisnonna Nicolina, poi c’è sua figlia Alberta, cioè mia nonna, quindi Lucrezia, figlia di Alberta nonchè mia madre, e infine Matilde, figlia di Lucrezia e mia pestifera sorella.

La recensione di Se dico no è no, Annamaria Piccione, Viola Gesmundo

Questa è la storia di Nico e della sua allegra e allargata famiglia di tutte donne. Tranne lui.
Non è facile per Nico essere l’unico uomo di casa.

Ripercorrendo la storia della sua famiglia emerge quanto sia importante dire NO.

Questo non è infatti un libro sui NO capricciosi quanto sui NO che determinano chi siamo.
Nico ci insegna quanto sia importante non rinunciare alla propria autenticità.

La mia opinione su Se dico no è no, Annamaria Piccione, Viola Gesmundo

Insegnare ai bambini quali sono i propri diritti è importante affinchè possano avere uno strumento per difendersi da chi prova ad approfittarsene.
E questo libro lo fa in maniera semplice e delicata, spiegando che bisogna dire no quando qualcuno vuole decidere per noi. Ci insegna che è sbagliato, soprattutto se frutto di steriotipi.

I genitori hanno il dovere di guidare i figli nelle loro scelte, cercando di non sostiuirsi a loro ma di sostenerli nelle loro decisioni cercando di non trasmettere loro i propri pregiudizi.

– Ai miei tempi eravamo educate al sacrificio: era sempre la donna a dover rinunciare a qualcosa – ci racconta nonna Nicolina.

Una famiglia, quella di Nico, che offre importanti spunti di riflessione oltre a delineare belle e importanti figure femminili.

Se dico no è no
Annamaria Piccione, Viola Gesmundo
Matilda Editrice, 2018, 34 p., € 12.00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here