Il dono del silenzio, Thich Nhat Hanh

“La condizione essenziale perché possiamo sentire il richiamo della bellezza e rispondervi è il silenzio. Se non abbiamo il silenzio dentro noi stessi – se la nostra mente, il nostro corpo, sono colmi di rumore – non possiamo udire quel richiamo.”

Lo sapete, vero, che ci sono libri che ti ispirano fin dalla copertina? Che non hai neanche bisogno di leggerne il titolo per capire che ti farà bene leggerli?
Perché succede anche a voi, vero? Ditemi di sì. Succede anche a voi che – tutti incanalati in questa vita che noi stessi abbiamo fatto diventare così frenetica – ad un certo momento chiudete gli occhi e le orecchie e implorate un minuto di silenzio!
Ecco, a me è successo così con Il dono del silenzio. L’ho visto tra i consigli di lettura, ho visto quell’albero ricco e compatto e subito mi sono trovata lì, all’ombra delle sue fronde. Poi ho iniziato a leggerlo e allora ho scoperto cose che magari in parte conoscevo già ma a cui non avevo ancora pensato da altri punti di vista:

“Se non abbiamo nessuno scopo che ci nutre andiamo semplicemente alla deriva”

Lo sappiamo tutti, è vero. Quello che ci manca, spesso è sapere quale sia davvero il nostro scopo, ci manca di focalizzarlo bene, di capire per cosa siamo stati chiamati.
Quel rumore che abbiamo dentro e intorno a noi, quel rumore fatto di annunci pubblicitari, giochi, musica, conversazioni varie, cose, parole e persone che rischiano il sovraffollamento della mente, se non sappiamo fermarci al momento giusto e fare e ascoltare il silenzio dentro di noi.

Questo è uno di quei libri da tenere fisso sul comodino, da sfogliare e riguardare ogni tanto, per tenere sempre vivo quel silenzio, così importante per poter essere, qui e ora, come insegnano le discipline orientali e come dovremmo imparare a fare anche noi occidentali.

L’autore Tich Nath Hahn è un monaco buddista, poeta e attivista vietnamita che promuove la pace e insegna l’arte del vivere consapevole, l’ho scoperto per caso e ho imparato a conoscere il suo modo di parlare e spiegare.
Uno dei punti fermi del suo insegnamento è appunto la pratica del vivere nella consapevolezza, che comprende l’imparare l’ascolto profondo di sé e del mondo che ci circonda. Ogni tanto fermarsi e ascoltarlo, leggere le sue parole e provare ad applicare i suoi insegnamenti nella vita di tutti i giorni, può far bene a tutti noi, qualunque sia il nostro credo.

“Nel nobile silenzio puoi camminare, stare seduto, goderti il pasto. Quando hai quel genere di silenzio vanti abbastanza libertà per goderti il fatto di essere vivo e apprezzare tutte le meraviglie della vita. Con quel genere di silenzio sei maggiormente in grado di guarire te stesso, mentalmente e fisicamente. Hai la capacità di essere, di essere lì, vivo. Perché sei davvero libero, libero dai rimpianti e dalla sofferenza riguardanti il passato, libero dalla paura e dall’incertezza per il futuro, libero da ogni genere di chiacchiericcio mentale. Rimanere in silenzio in questo modo quando sei solo è positivo e rimanere in silenzio in questo modo insieme è particolarmente dinamico e curativo.”

Il dono del silenzio
Thich Nhat Hanh
Garzanti, 2015, p. 157, €. 12,00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here