Scriverò finchè avrò voce, Simone Savogin

0

“Respiro liquido,
battito accelerato,
ho mani piccole
e do calci sporadici.
Vago in questo luogo
come un sogno in una mente.
In fondo sono un sogno.”

Leggendo questo libro di poesie ho scoperto l’esistenza del Poetry Slam una gara su un palcoscenico dove i poeti recitano le loro poesie ed il pubblico decide il vincitore.

L’autore ha iniziato questo percorso nel 2005 e nel 2013 ha fondato LIPS, Lega Italiana Poetry Slam.

Lo abbiamo conosciuto grazie a Italia’s got talent, dove é arrivato 4.

Le sue poesie raccontano la vita quotidiana in modo diverso, e gli oggetti e le emozioni che ci accompagnano tutti i giorni prendono forma.

Le sue poesie fanno molto riflettere offrendoci spunti diversi dal solito.

“Ed ora che ho perso l’involucro bianco,
ora che larva è solo un ricordo,
ora che l’aria è il manto del mondo,
lasciami un giorno che a notte io muoio.”

Buona lettura!

L’autore
Simone Savogin nato a Como nel 1980, vive ad Alserio. Laureato in Scienze e tecnologie della comunicazione musicale a Milano, da dieci anni direttore del doppiaggio di videogiochi, cartoni animati e documentari.

Scriverò finchè avrò voce
Simone Savogin
Tre60, TEA, 2019, p. 144, € 12,90

Puoi acquistarlo qui:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here