Novembre 2019: Musica, maestro! e un po’ di follia per i grandi… ;)

Voi stessi, sapete perché avete aperto questi miseri fogli che la mano di un pazzo sta riempiendo di parole? Un pazzo! È qualcosa che fa orrore.
E tu cosa sei, lettore?
In quale categoria ti schieri? in quella degli sciocchi o in quella dei pazzi? Se ti dessero la possibilità di scegliere, la tua vanità preferirebbe certo l’ultima condizione…
(Gustave Flaubert, Memorie di un pazzo)

Siamo già arrivati a novembre? Ieri eravamo ancora sulla spiaggia, a crogiolarsi al sole, cosa è successo nel frattempo? Ok, è vero, non ci sono più le stagioni, passiamo dalla spiaggia alla pioggia, qui davvero la follia si è impadronita del mondo…

Follia è proprio il tema – impegnativo e per certi versi proibito e controverso – che abbiamo scelto per il mese di novembre: affronteremo il problema da più punti di vista, raccontandovi il genio e la follia di artisti, poeti e scrittori, ma anche quello di persone comuni che sono state rinchiuse nei manicomi per errore o per convenienza di altri. Parleremo anche di autori importanti – come Mario Tobino, che nei manicomi ha vissuto come direttore e uomo -, vi racconteremo eventi a cui abbiamo partecipato, legati ai libri e alla cultura ma soprattutto all’umanità, cercheremo i libri migliori che parlano di follia (e ce ne sono, ah se ce ne sono…)
Sarà molto interessante, non abbiamo dubbi. E vorremmo sapere cosa ne pensate.

Con i ragazzi parleremo di musica – che in qualche modo è vicina anch’essa alla follia, giusto? -, di grandi musicisti e di come la musica entra nelle nostre vite portando serenità e vibrazioni positive. Ci divertiremo un bel po’, non credete?

Continueranno anche le nostre rubriche, dall’almanacco letterario alle nuove proposte dell’appena nata ZeBuk Arte, dai film di ZeBuk alle nostre proposte firmate Zeboogle per leggere sempre di più. Novembre è un mese ricco di cultura e di giornate importanti, le celebreremo insieme con l’aiuto dei nostri fidati amici libri. Seguiteci, sarà uno spasso!

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here