Bianca, Bart Moeyaert

La recensione di Bianca di Bart Moeyaert edito da Sinnos

Sul petto nudo di Alan c’è un punto esclamativo.
Gli hanno già aperto il torace tre volte, ma sembra una volta sola, e lui è ancora vivo.
Bum bum, fa il suo cuore, a sinistra della cicatrice.
Anzi no, bum bum fa la metà che funziona del suo cuore.

La recensione di Bianca di Bart Moeyaert

Bianca è una ragazzina di dodici anni, con un fratello Adam, viziato e pieno di attenzioni a causa del suo cuore malato.
Bianca è sempre arrabbiata, scontrosa e intrattabile e nessuno riesce davvero a capire i suoi pensieri. O almeno, questo è quello che pensa Bianca.

Il padre di Bianca e Adam se n’è andato e ora vive con Cruz, che ovviamente Bianca odia.
Bianca si rifugia nella sua camera, disegnando, sognando e scappando dalla realtà. Ha anche un rifugio reale, una specie di luogo segreto che solo lei conosce, a ridosso del pollaio dei vicini di casa.

Un pomeriggio Bianca si ritrova in casa sua la protagonista della sua serie tv preferita.
Vederla lì nel suo salotto, con i problemi quotidiani, fa capire a Bianca che si può imparare a capire gli altri, a mettersi nei loro panni.

Bianca è un romanzo piccolo, dai capitoli corti e dal linguaggio semplice, che arriva bene ai ragazzi dell’età di Bianca.
Un libro dal ritmo serrato, quasi teatrale.

L’autore: Bart Moeyaert

Bart Boudewijn Peter Moeyaert è uno scrittore belga specializzato in letteratura per ragazzi.
A partire dal suo esordio, a soli 19 anni, nel 1983 con Duet met valse noten, ha pubblicato numerose opere per un pubblico adulto e per ragazzi ricevendo numerosi riconoscimenti e i suoi libri sono stati tradotti in più di 20 lingue.
Autore anche di testi poetici e di sceneggiature per la televisione, nel 2019 ha ricevuto l’Astrid Lindgren Memorial Award alla carriera.

Bianca
Bart Moeyaert
Sinnos, 2019, 144 pag., € 13.00

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here