Come ali di gabbiano, Lorenza Farina, Anna Pedron

recensioni-come-ali-di-gabbiano

“La prima volta che ti vidi fu in quella cartoleria dietro l’angolo della piazza dove abitavo con mamma, papà e Margot. Indossavi un abito telato quadri bianchi e rossi che ti stava a pennello.”

La recensione di Come ali di gabbiano di Lorenza Farina, Anna Pedron

La Shoah raccontata ai bambini attraverso la vita di Anna Frank, ma vista dal punto di vista inusuale del suo diario.

Siamo in Olanda ad Amsterdam, dove la famiglia Frank si è rifugiata per sfuggire alla persecuzione tedesca. Il 12 giugno 1942 per il compleanno Anna richiede al suo papà come regalo un diario che vede in mostra su degli scaffali.

Anna se ne innamora subito perché vede in quel diario la possibilità di avere un amico a cui confidare i propri segreti in un periodo per lei molto complesso.

A lui Anna racconta la segregazione forzata per sfuggire ai nazisti.

Il diario conserva i suoi segreti, vola come un gabbiano per portare il messaggio di pace.

“L’ultima volta che ti vidi fu il giorno in cui ci arrestarono…”

La mia opinione di Come ali di gabbiano di Lorenza Farina, Anna Pedron

“Guardo il cielo azzurro, il castagno brullo sui cui rami scintillano piccole goccioline, i gabbiani e gli altri uccelli che fendono l’aria e sembrano argentati.”

Anna scrive con la speranza che nessuno strapperà le pagine del diario e che le sue parole verranno lette.

Il diario è per lei un amico che la consola, il confidente di un’adolescente in un periodo storico difficilissimo, nella speranza della salvezza che purtroppo non c’è stata.

Il suo grande desiderio diventa realtà perché lei è diventata il simbolo della Shoah, la sua vita e la sua storia sono conosciute da tutti.

Bellissime le illustrazioni di Anna Predon che aiutano a non dimenticare.

Alla fine del libro una biografia di Anna.

Buona lettura!

Come ali di gabbiano
Lorenza Farina, Anna Pedron
Edizioni Paoline, 2020, p. 36, € 13,00

Puoi acquistarlo qui:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here