Volo di notte, Antoine de Saint-Exupéry

Sotto l’aeroplano, le colline scavavano già il loro solco d’ombra nell’oro della sera. Le pianure si facevano luminose, ma di una inconsumabile luce: in quelle regioni esse non finiscono mai di restituire il loro oro, così come dopo l’inverno non finiscono mai di restituire la loro neve.

La recensione di Volo di notte di Antoine de Saint-Exupéry

Fabien è un pilota di un aereo postale nei primi anni dei collegamenti internazionali.
Sta volando di notte, sopra l’America Latina, e il maltempo imperversa:

Guardò intorno a sé: nubi pesanti spegnevano le stelle. Si curvò verso la terra: cercava le luci dei villaggi, simili a quelle delle lucciole nascoste nell’erba ma nulla brillava in quell’erba nera

Fabien si imbatte in un uragano che lo spinge fuori rotta.
Il carburante inizia a scarseggiare e le comunicazioni radio si interrompono.

Da terra, a Buoenos Aires c’è Rivière, il responsabile della rete aerea, che segue con apprensione la sorte di Fabien. Di fronte a lui Simona, la moglie di Fabien, giovane e bella. E allora tutto vacilla.
Ma i voli notturni non si arrestano perché la vita ha valore solo quando viene vissuta con pienezza e coraggio.

La mia opinion di Volo di notte di Antoine de Saint-Exupéry

Tutto il mondo conosce Antoine de Saint-Exupéry per Il Piccolo Principe.
Se però si va a scavare un po’ di più si trovano diversi romanzi tra cui Volo di Notte, pubblicato nel 1931 con la prefazione di André Gide (scrittore francese e premio Nobel per la letteratura nel 1947).
Volo di notte è un racconto di poco più di 100 pagine capace di emozionare grazie alle riflessioni dei personaggi principali: Fabien, sua moglie Simone, Rivière e l’ispettore Robineau.

Da aviatore quale era Antoine de Saint-Exupéry riesce molto bene a farci vivere l’emozione di volare grazie a descrizioni che dipingono alla perfezione i paesaggi.

Vittoria…Disfatta.. Queste parole non hanno senso. Sotto queste immagini c’è la vita; la vita che prepara già altre immagini. Una vittoria che indebolisce un popolo, una disfatta ne rianima un altro. La disfatta subita da Rivière è forse un insegnamento che avvicina la vera vittoria. Solo l’avvenimento in cammino ha qualche imortanza

Un romanzo breve sul naturale susseguirsi della vita e della morte, sul coraggio e sulle difficoltà di alcune professione necessarie a tutti.

Antoine de Saint-Exupéry ha ricevuto, con questa opera, il Prix Femina nel 1931.

Se di questo autore avete letto solo il Piccolo Principe vi consiglio di provare a leggere anche questo piccolo capolavoro.

Volo di notte
Antoine de Saint-Exupéry
Bompiani, 2020, 112 pag., € 9.00

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here