La sposa scomparsa, Rosa Teruzzi

Fuori, il giardino e l’orto che Libera coltivava personalmente e che era la vera origine del suo decantato “segreto”: il luogo in cui crescevano le verdure, i frutti, le bacche e le erbe che lei mischiava ai fiori rendendo unici i suoi bouquet.
L’aveva imparato da nonno Spartaco,il papà di Iole, il ferroviere di origine valtellinese da cui aveva ereditato il casello, l’uomo pratico e gentile che l’aveva cresciuta mentre mamma girava il mondo alla ricerca di se stessa.

La recensione di La sposa scomparsa, Rosa Teruzzi

Vittoria, Libera e Iole, tre generazioni di donne che non potrebbero essere più diverse tra loro. Libera quarantaseienne vedova si è reinventata creando nel suo atelier originali bouquet da sposa, Iole la madre settantenne figlia dei fiori pratica yoga e amore libero in scioltezza, Vittoria figlia e nipote delle prime due è rigida più di quel che il suo lavoro come poliziotta le imponga.

In un piovoso pomeriggio di luglio una donna vestita a lutto bussa alla loro porta, chiede a Libera che provi a convincere sua figlia a riaprire l’indagine sulla figlia Carmen.
La ragazza è misteriosamente scomparsa anni prima a un  passo dal matrimonio.
Libera e Iole provano una profonda empatia per il dolore della donna e si mettono a cercare notizie sul caso.

La mia opinione su La sposa scomparsa, Rosa Teruzzi

Ogni crimine fa emergere i peccati, anche quelli che col crimine non c’entrano nulla, raccontavano i libri della Perry, e se si vuole indagare bisogna per forza immergersi in questo fango.

Mi è piaciuto questo libro perché non è solo giallo, ma l’indagine è un occasione per Libera di riflettere sulla sua vita, sulle sue debolezze e sui suoi fantasmi, e chi di noi non ha qualche conto in sospeso col passato con il quale combattere e fare pace?

La sposa scomparsa
Rosa Teruzzi
Marsilio, 2020, p. 176, €. 9,00

 

Elisa
over quaranta, mamma, geometra e creativa con una fresca passione per il web e una vecchia passione per i libri in tutte le forme sia cartacea che digitale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here