Orgoglio e sentimento, Benedetta Cosmi

E chissà le amicizie nate sul treno, come verrebbero classificate dagli studiosi della materia.

Candidato al Premio Strega 2021, Orgoglio e sentimento di Benedetta Cosmi è un romanzo pieno di attualità, che avrà influenza sul suo periodo storico (…) e forse domani sarà un classico, per chi vorrà capire i nostri anni Venti.

La recensione di Orgoglio e sentimento, Benedetta Cosmi

“Quanto a me, Cesare, sono un ragazzo del libro Cuore come tanti altri di cui ancora è pieno il mio Paese. Per la prima volta voi siete più di noi, in questo campione non rappresentativo, di passeggeri a bordo. E ci è voluta una tempesta. Per rovesciare i dati statistici della popolazione. Manca qualcuno? Una di loro ha tutta l’aria di diventare la prossima Katerina Sakellaropoulou, la prima Presidente donna della Repubblica”. 

Come nascono le amicizie? Complici una tempesta e un viaggio in treno, se lo domanderà un giornalista, metà ligure e metà lombardo, in pensione da poco, che metterà in discussione se stesso e la sua generazione. Si ritrovano nel romanzo i grandi temi d’attualità dentro le storie di famiglie, amori, compagni di scuola, sacrifici e sogni, in una straordinaria storia di formazione. Troviamo l’amicizia fresca di una generazione particolare a cui dà voce l’autrice attraverso Adriana, Olimpia e Giannenrico. E l’amore tra Sonia Benedetti Terra e Fabio Almanacco, nato davanti ai cancelli di una fabbrica milanese, salvata dalla chiusura. L’orgoglio di un Paese, e il suo sentimento. Il potere per cambiare, che bisogna averlo, esercitarlo, prenderselo.

Il mio parere su Orgoglio e sentimento, Benedetta Cosmi

“Come nascono le amicizie?”, si domanda a questo punto,  dal treno in corsa, Cesare. Un giornalista dall’arcata sopraccigliare un po’ annoiata. Perché l’aria malinconica nn è di buon gusto, ci vuole l’aria annoiata. “Se siete malinconico, è segno che qualcosa vi manca, che non siete riusciti in qualche cosa. È un segno manifesto di inferiorità”.

Non così facile da leggere. Bisogna superare un certo limite, un traguardo immaginario oltre il quale si impara a leggerlo nel modo giusto.
Ecco che allora qualcosa cambia, qualcosa ritorna: una risposta a tante domande che ci si sono fatte in prima istanza, dal “dove vuole andare a parare” al “e questo chi è”.
Tante storie, tanti temi attuali, la pandemia fra questi. Uno spaccato sociale, politico, civile, su cui molto ci sarebbe da riflettere. Ma ci vorrebbe tempo. E, molto probabilmente, più di una lettura.

Una sfida provare a rileggerlo fra qualche mese, dopo aver digerito e maturato pensieri e opinioni. Lo farò, è una promessa!

Orgoglio e sentimento
Benedetta Cosmi
Armando Editore, 2020, pag. 176, €. 15,00

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here