La figlia del capitano, Aleksandr Sergeevic Puskin

“Quando rammento che ciò accadde ch’ero già vivo e che oggi sono giunto al mite regno dell’imperatore Alessandro, non posso non stupire dei progressi della civiltà e della diffusione dei precetti di filantropia. Giovanotto! Se le mie memorie capiteranno fra le tue mani, ricordati che i mutamenti migliori e più solidi sono quelli che procedono dal miglioramento dei costumi, senza scosse violente di sorta.”

Recensione La figlia del capitano, Aleksandr Sergeevic Puskin

Pëtr Andréevic Grinëv viene mandato dal padre a prestare il servizio militare a Orenburg, insieme al servitore Savél’ic. Durante il viaggio, vengono sorpresi in una tormenta di neve e salvati da un misterioso uomo che li conduce in una locanda. In seguito raggiungono la fortezza di Belogorsk, dove conoscono il comandante Kuz’imic, sua moglie Vasilissa e la loro figlia Mar’ja.
Il giovane Pëtr inizia a frequentare la casa del capitano Kuz’imic, che è frequentata anche dal giovane ufficiale Švabrin.

Tra i due nasce un’amicizia fino a quando non capiscono di essere innamorati della stessa donna, per la quale si sfidano a duello.
Peter rimane ferito e, durante la convalescenza, Mar’ja le confessa di amarlo.
Nel frattempo, la fortezza viene assediata dai cosacchi ribelli guidati da Pugaciov.

La mia opinione di La figlia del capitano, Aleksandr Sergeevic Puskin

I protagonisti di La figlia del capitano di Aleksandr Sergeevic Puskin sono: un padre severo, un figlio ribelle spedito a prestare il servizio militare all’avamposto di Belogorsk, un bandito, una giovane donna contesa.

Siamo in Russia durante la rivolta cosacca di Pugacëv, dove tra duelli, scontri e prigionie, nasce l’amore contrastato tra due giovani, il nobile Grinëv e la dolce Masa, che dovranno superare innumerevoli traversie.

Un classico molto piacevole da leggere che ci racconta l’evoluzione dell’Impero russo e la storia sembra quasi una fiaba.

La figlia del capitano
Aleksandr Sergeevic Puskin
Einaudi, 2015, p. 222, €
Puoi acquistarlo qui:

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here