James Stewart, Jonathan Coe

Raramente leggo biografie, ma ho trovato questa molto interessante, in quanto è la vita di un grande attore “insolitamente comune”, che piaceva molto proprio per questo.

E’ la storia della sua vita, a partire dall’infanzia in Pennsylvania al college a Princeton, al teatro alla sua carriera militare, al suo matrimonio e alla sua carriera cinematografica.

La biografia è divisa in sei parti : Il modo migliore di fare cinema, i suoi esordi dal 1908 al 1938. Un americano al cento per cento e un look più duro dal 1938 al 1950. L’opinione di Mann, quella di Hitchcock. In lotta con la realtà e la ritirata cinematografica.
E infine la filmografia.

Il libro è ricco di fotografie, ce ne sono ben 150 a colori e in bianco e nero.

James Stewart e’ descritto come un uomo forte e sensibile, “un uomo qualunque in situazioni eccezionali”.

Molti vorrebbero’ essere come lui.

Aveva alle spalle una carriera di ben quarantatre anni e settantasette film, tra cui Mr Smith va a Washington, Partita d’azzardo e La vita è meravigliosa.

James Stewart
Jonathan Coe
Gremese Editore, 1994, p.192

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here