333. La formula segreta di Dante, Roberto Masello

Perfettamente in tema con l’argomento di questo periodo qui su Zebuk, questo libro affronta differenti sfumature dell’anima umana. Si parla di paura della morte, di limiti tra il bene e il male, si affronta il nebuloso mondo della magia e le ombre di grandi personaggi storici.

Un antico specchio raffigurante la Medusa, gorgone che uccide solo guardandola negli occhi, è il motivo portante di questo bel thriller di Roberto Masello; un antico manoscritto che riguarda la vita di Benvenuto Cellini viene recapitato alla biblioteca Newberry di Chicago da un’anonimo benefattore, con l’unica richiesta di verificare se esiste e recuperare lo specchio citato nel testo. Da quel momento la vita di David Franco subisce una scossa profonda, tra viaggi in Europa, avventure ad alto rischio e donne misteriose e interessanti.

Pur di dare una speranza alla sorella malata David è disposto a credere cose storicamente impossibili, che la sua mente di scienziato razionalmente rifiuta. Si troverà ad affrontare personaggi nebulosi, colpi di pistola e viaggi in castelli maledetti.

Parallelamente alla storia contemporanea, leggiamo lo svilupparsi di un progetto pazzesco che coinvolge il più grande artista rinascimentale di tutti i tempi: Benvenuto Cellini, grande maestro delle arti in quella Firenze piena di movimento e di creatività che è humus per la nascita di una serie di talenti occulti e alchimistici. Una discesa agli inferi, un patto con Dante che lo guida verso il lago della Medusa, presso cui raccogliere gli elementi per creare uno specchio che dona l’immortalità e una corona che rende invisibili.

I protagonisti si rincorrono attraverso i secoli, dentro capitoli di storia e macchie indelebili tra le più tragiche, accompagnati da nomi potenti e famosi, dentro nazioni e movimenti che conosciamo dalle pagine dei libri.

Fino a che si incontrano, in un finale molto sorprendente e carico di tensione: David, Benvenuto, la conoscenza e la filosofia.

 

Se fosse possibile combattere la morte e trovar l’elisir di lunga vita, lungamente cercato da alchimisti, maghi e sedicenti filosofi? Se vi capitasse di rivedere in un vostro coetaneo i lineamenti di un viso famoso tra le pagine dei libri? Troppo complicati e aleatori questi se per poter dare una risposta.

In fondo la paura di invecchiare, di lasciare la forza e l’energia della gioventù da sempre sono dei motori potentissimi, sogni che qualche volta hanno sfiorato anche le nostre fantasie. In questo libro l’aspetto morale è affrontato con leggeri tocchi e riflessioni che tornano per metterci di fronte alla reale necessità della vita: tentare di dare un senso ad ogni periodo che viviamo, senza spingersi troppo oltre nella comprensione del tempo che passa. L’unico antidoto alla morte è l’amore e raggiungere l’immortalità è possibile solo entrando nel cuore di chi amiamo.

333. La formula segreta di Dante
Roberto Masello
Newton Compton, 2012, p. 464

*Se ti è piaciuta questa recensione e vuoi acquistare il libro, utilizza i link qui sotto e ne saremo felici anche noi

 ebook
 cartaceo

 

 

 

Sono quella che legge due libri contemporaneamente, quella che ha l'e-reader, io piango quando la scrittura è bella, divento il protagonista del libro. Curiosa, tento di infilarmi in tutti i generi, scegliendo tra i grandi classici e osando nuovi autori. L'unica certezza che ho: non mi basterà questa vita per finire la mia lista dei desideri. "Io penso, disse Anna sfilandosi un guanto, che se ci sono tanti ingegni quante teste, ci sono tanti generi d'amore quanti cuori" (Anna Karenina)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here