Iole la balena mangiaparole, Gioia Marchegiani

È un poeta e viene fin qui per scrivere

le sue poesie e per recitarle al mare,

che silenzioso, ascolta.

Quando sente arrivare la sua barca,

Iole si avvicina segretamente e aspetta.

Ci sono cose e persone che ti capitano per caso e quando poi le conosci non puoi più farne a meno. Con Iole la balena mangiaparole è capitato proprio così.
Iole è simpatica, dolce e piena di fantasia.
Iole ha tanti amici (e meno male che ci sono, gli amici!) che l’aiutano nei momenti difficili.
Iole è generosa come solo una balena con una grande bocca e un grande cuore può essere.
E le sue storie non annoiano mai.
Anche perché non sono mai le stesse storie.
E infatti, ogni volta che leggiamo la sua storia, vengono in mente idee diverse, nuovi personaggi, nuove fantasie.

C’era una volta un re che amava navigare solo con la sua piccola barca

Le illustrazioni di Gioia Marchegiani sono meravigliose, di quelle che – quando le guardi – ti abbracciano e ti accolgono come vecchie amiche. Ti tengono per mano e ti accompagnano in un mondo incantato, dove è bello scoprire cose nuove.

Poesia, tanta poesia nella storia di Iole. La delicatezza di parole scelte con cura, di colori che sono una carezza, di emozioni che ti mettono in pace col mondo.

psst! Fate attenzione, Zebuk potrebbe essere lì lì per rivelarvi qualcosa in più sul magico mondo degli illustratori… rimanete con noi!

Il gioco che Iole ci propone di fare dà spazio a mille interpretazioni, stimola la fantasia (la nostra e anche quella dei nostri bambini), è un esercizio di creatività molto importante, serio e divertente al tempo stesso. Leggete la sua storia con i vostri ragazzi, anche se piccoli, e giocate con loro. Imparerete che la fantasia non ha limiti!

Iole la balena mangiaparole
Gioia Marchegiani
Gribaudo (collana: Raggi di sole), 2012, pag. 24, € 12,00

Se volete acquistarlo cliccate qui:

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here