Ladra di cioccolato, Laura Florand

Il cioccolato era la materia di cui era fatta la sua vita

Cade è cresciuta col cioccolato, pensando cioccolato, respirandolo.
Proprietaria di uno delle fabbriche di cioccolato più importanti degli Stati Uniti vuole però essere ricordata per qualcosa di più della famose barrette Carey da 35c al pezzo.
Decide dunque di andare a Parigi a sedurre, con una ricchissima offerta commerciale, il più famoso cioccolatiere della Ville Lumière quel Sylvain Marquis che crea cioccolatini memorabili.
Purtroppo non solo Sylvain rifiuta l’offerta di firmare una linea gourmant per la ditta Corey ma caccia anche Cade dal suo negozio.
Non ha calcolato però la tenacia della ragazza che non esiterà a tentare sotterfugi rocamboleschi per carpire i segreti di quel cioccolato e forse anche per rubare il cuore del bel cioccolatiere.

La Florand scrive una storia conturbante sul cibo preferito dagli dei e anche dall’uomo: quel theobroma che avviluppa i sensi e l’anima e che trascina i protagonisti della storia in un crescendo di sensazioni ed emozioni seguendo l’erotismo del cioccolato e di chi lo lavora.
I protagonisti della storia sono due tipi molto diversi: Sylvain usa lo charme e il cioccolato per conquistare le donne, Cade, sebbene sia una manager aggueritissima in ufficio, nella vita privata è piena di riserve e ha un grande sogno: imparare a lavorare il cioccolato come un vero cioccolatiere.

Era gonflèe, pensò Sylvain, mentre con un movimento delle labbra che esprimeva noncuranza versava il cioccolato nel bagnomaria per scaldarlo. Complètement gonflèe. Anzi, era talmente piena di sè che gli veniva un desiderio irrefrenabile di pungerla con uno spillo…………………Senza un motivo, mentre lisciava il cioccolato, si ritrovò a pensare alla spalla nuda della visitatrice, spogliata del cappotto e della maglia di cachemire, e alla propria mano che la accarezzava, temperandola con abilità”.

Ladra di cioccolato è un romanzo gradevole, adatto a chi ama , come me, follemente il cioccolato e a chi adora le storie d’amore a lieto fine.
Una storia dove il cioccolato la fa da padrone in tutte le sue declinazioni: fondente, sontuoso, amaro, croccante, polverizzato e aromatizzato.
Un libro che farà venire sicuramente l’acquolina in bocca e una gran voglia di sgranocchiare un bel fondente alle mandorle. Buona lettura!

Ladra di cioccolato

Laura Florand
Leggereditore, 2012, p. 329, €. 10,00

Per acquistare:

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here