Posta per la Tigre!, Janosch

– Oggi è il più bel giorno della mia vita – proclamò la piccola Tigre.

E non era una bugia.

Basta così poco per renderci felici, a volte: una piccola lettera, scritta dal nostro amico più caro, con l’inchiostro blu, una penna di canarino, della carta da lettere e una busta. Poche parole, sincere. L’impegno di chi tiene a noi, di chi vuole farci capire quanto ci vuole bene.

L’Amicizia è anche questo: sentirci tristi quando non siamo insieme, non aver voglia di niente perché ci sentiamo soli, darci da fare per rendere felici gli altri: piccolo Orso e piccola Tigre hanno trovato la soluzione. Non ci credete?

Posta per la Tigre! è la storia di come il piccolo Orso e la piccola Tigre inventarono la posta, la posta aerea e il telefono…

file5301257130798
Credits: veggiegretz

L’ho già detto che Janosch ci ha fatto innamorare con le sue illustrazioni e le sue storie semplici, vero? con quei suoi messaggi puliti, dritti al punto e senza tanti giri di parole…

La felicità è roba da poco, se ognuno ci mette un po’ del suo impegno: in fondo basta costruire un telefono, organizzare un sistema postale, prevedere qualche volo aereo dedicato, con l’aiuto di Lepre, Elefante, Talpa, Piccione e tutti gli amici, chiaramente…

– Oh, orso – disse la Tigre. – Non è stupendamente bella la vita?

– Sì, disse il piccolo Orso – è stupenda e molto bella.

E in questo avevano decisamente ragione.

Oggi ho imparato che

C’è di bello che mentre leggiamo i dialoghi e le descrizioni, la voce del narratore si intromette nella storia e suggerisce consigli a piccolo Orso e piccola Tigre, ricorda loro le cose che dimenticano per strada, punta l’attenzione sui personaggi coinvolti e su quello che succede sulla scena… sembra proprio di partecipare alla storia e di sentire una terza voce senza volto che – da qualche parte, non vista – dice la sua. E anche se questo può sembrare un modo per influenzare i piccoli lettori, a me il sistema piace: imparando a leggere ad alta voce per i bambini ho scoperto l’importanza dei tempi e delle pause; e ho scoperto che durante la lettura è importante fermarsi e dar tempo, e chiedere pensieri e opinioni, per fare in modo che il leggere non sia un’esperienza a senso unico ma un modo per imparare ad interagire con l’altro.

 

Posta per la Tigre!
Janosch
Piemme (collana Il battello a vapore – serie bianca), 1999, pag. 64
ISBN-13: 978-8838434327

 

polepole
Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here