Ricette letterarie: i Quaresimali. Iole la balena mangiaparole, Gioia Marchegiani

Ultima Modifica: Ott 23, 2020

AMICI, SOLE, MARE, BARCA, VENTO, RE…
Ognuno di loro ha conservato una parola delle storie di Iole. Le mettono insieme e piano piano compongono una bellissima nuova storia per la loro grande amica.
Che regalo per Iole! Attenta e commossa li ascolta.
Le parole tornano a scomporsi nel mare in tante gustose lettere da mangiare.

Siamo a fine Marzo: c’è voglia di mare, di sole e di spazi aperti, di sole sul viso e di sogni in cui perdersi. Iole è un’amica fidata, a cui ricorrere quando fuori il sole tarda a spuntare e ancora il freddo è noiosamente ancora presente.

Iole la balena mangiaparole è un libro che abbiamo imparato ad apprezzare ogni giorno di più: lo apriamo per sognare un po’, per inventare nuovi giochi da fare con le parole, per goderci i colori sapienti e imparare a usarli allo stesso modo (Gioia con le illustrazioni ci sa proprio fare…)

Note sul libro Iole la balena mangiaparole, Gioia Marchegiani

iole

Iole, la balena mangiaparole, non si nutre di plancton, ma di parole che un poeta solitario lascia cadere nel mare. Con le parole scartate dal poeta Iole costruisce bellissime storie che i suoi amici calamari, meduse e pesci ascoltano incantati. Ma un giorno la barchetta del poeta non arriva e Iole si dispera. I suoi amici, però, hanno conservato nella memoria le parole dei suoi racconti, e tutti insieme decidono di farle una sorpresa… Un libro di ambientazione marina, magnificamente illustrato, una storia che rivela la potenza creativa insita in ogni parola, la magia del raccontare e il valore dell’amicizia.
Leggi la recensione di Iole la balena mangiaparole di Gioia Marchegiani

La ricetta: I Quaresimali, per giocare con Iole

Appena aperto ancora una volta il libro c’è venuta voglia di giocare con le lettere che formano le parole. E allora perché non cucinarle, quelle lettere?

– In che modo? vi chiederete.

Facciamo dei biscotti!

Già, ma siamo in Quaresima e quest’anno mi sono messa in mente di fare fioretto e di evitare gli eccessi… e allora: Quaresimali! Che hanno tipicamente proprio la forma delle lettere dell’alfabeto.
Ho imparato la loro ricetta da qualche signora di paese e ve la riporto così come l’hanno detta a me, è talmente semplice che sarà un divertimento farla coi vostri bambini. E poi continuerete a giocare, con le lettere e con le parole da formare e mangiare insieme…

Ingredienti:

  • 150 gr di Farina
  • 3 albumi
  • 170 gr di zucchero a velo
  • 30 gr di cacao amaro
  • Scorza d’arancia grattugiata
  • Sale

Preparazione:

  1. In una ciotola mescolare gli ingredienti secchi: zucchero, farina, cacao e la scorza di arancia (io stavolta ho usato un limone)
  2. Montare a neve le chiare d’uovo con un pizzico di sale.
  3. Mescolare poi gli altri ingredienti, lavorando con una forchetta fino a ottenere un impasto non troppo solido.
  4. Con una sacca da pasticcere creare le lettere dell’alfabeto su di un foglio di carta da forno e infornare per 15 minuti a 150°C.

E ora via! alla scoperta della magia delle parole, insieme ad una simpatica balena rossa!

Grazie a Gioia Marchegiani per questa storia e per i suoi splendidi acquerelli…

Iole la balena mangiaparole
Gioia Marchegiani
Gribaudo ed., 2012, p. 24, €. 12,00

Per acquistare:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here