Un tragico pomeriggio di Storia, Gianfranco Bruschi

“Durante le vacanze estive sono ospite dai nonni materni a Quintano. Qui mi diverto un mondo nel loro vasto orto con moltissime piante da frutta, un pollaio e un guado per le anatre.

La domenica sera, in compagnia di ragazzi della mia età e di una cugina di mia madre, che ci faceva da sorvegliante, ci incamminiamo verso Trescore Cremasco per assistere alla proiezione di un film.”

Questo romanzo racconta un episodio di vita vissuta dall’autore, allora bambino di dieci anni che non ha mai dimenticato.

Gianfranco inquadra con una documentazione storica ricca di riferimenti, foto, ecc, i fatti avvenuti a Spino d’Adda nel 1945, durante la ritirata tedesca.

Un giovane ha ucciso un militare tedesco, non rispetta i lascia passare tedeschi e questo porta alla fucilazione di dieci uomini, tra cui il padre del bambino, che era tornato a casa dal lavoro in banca per proteggere la famiglia, ma viene prelevato da casa e fucilato insieme ad altri 9 uomini.

Una storia che lascia l’amaro in bocca, una delle tante famiglie serene distrutte in un attimo.

Un libro educativo, soprattutto per i ragazzi che possono conoscere attraverso il racconto di questi fatti la storia arricchendo le conoscenze apprese sui libri di scuola.

L’autore

Gianfranco Bruschi nasce a Trescore Cremasco il 19 giugno 1934, dove trascorre la sua infanzia. Dopo si trasferisce a Olmo al Brembo e poi a Spino d’Adda. Ora risiede a Paullo e lavora per la casa editrice internazionale Selezione dal Reader’s Digest. Dal 2008 si dedica agli studenti delle scuole medie e superiori un ciclo di interventi sugli avvenimenti storici durante la seconda guerra mondiale.

Buona lettura

Un tragico pomeriggio di Storia
Gianfranco Bruschi
Centro Galmozzi, 2009, p. 144

angela
Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here