Odette Toulemonde, Eric-Emmanuel Schmitt

Caro signor Balsan,
non scrivo mai perché, anche se possiedo l’ortografia, non ho la poesia. E troppa me ne servirebbe, ora, per farle capire l’importanza che lei ha per me. La verità è che le devo la vita. Senza di lei mi sarei ammazzata una ventina di volte.

La recensione di Odette Toulemonde, Eric-Emmanuel Schmitt

Calmati Odette, calmati.

Era talmente esuberante, impaziente, entusiasta che aveva la sensazione di librarsi in volo, staccarsi dalle vie di Bruxelles, sottrarsi al corridoio delle facciate e superare i tetti fino a raggiungere i piccioni in cielo. Tutti quelli che vedevano la sua leggera silhoutte venire giù dal Mont des Arts percepivano in quella donna con una piuma tra i capelli qualcosa del volatile…

Comincia così la favola di Odette, commessa di giorno e piumaia nel tempo libero, vedova con due figli diversissimi che ha un unico amore: i libri dello scrittore Balthazar Balsan.
Cosa succede quando proprio il suo scrittore preferito firma autografi nella libreria praticamente dietro casa? Succede che la povera Odette, travolta dall’eccitazione, non riesce nemmeno a pronunciare il proprio nome. Ma i casi della vita sono imprevedibili e la semplice piumaia si ritroverà lo scrittore addirittura come ospite a casa.

La mia opinione di Odette Toulemonde, Eric-Emmanuel Schmitt

Sono sempre più convinta che i libri cerchino il momento giusto per entrare nella nostra vita. È successo ancora una volta, mentre cercavo libri adatti al tema di questo mese su Zebuk, la leggerezza.

È arrivata Odette, insieme a Odile, a Wanda, a HélèneAimée e altre donne, protagoniste di otto diversi racconti.

Ed è stato subito amore. E leggerezza, soprattutto. Quella leggerezza che – come dicevamo qui – sa andare così in profondità e subito dopo elevarsi alta, a insegnarci quanto conti, per la felicità, l’intelligenza.

Brevi racconti nati di nascosto, come in un libro proibito, durante le riprese del film omonimo, che ci insegnano una cosa ovvia ma che tendiamo a dimenticare troppo spesso: la felicità sta dentro di noi, si trova appena svoltato l’angolo, si trova anche in una giornata di pioggia!

«Che tempaccio!»
«Tutt’altro, mia cara».
«Ma che dici? Vieni qui fuori: guarda quanta ne cade!».
«Appunto.».
L’uomo uscì sulla terrazza e avanzò in direzione del giardino fino al muro formato dalle gocce. Narici dilatate, orecchie dritte, gettò la nuca all’indietro per sentire meglio l’aria umida sulla faccia, socchiuse gli occhi e mormorò annusando il cielo color mercurio:
«È una bella giornata di pioggia».

Questi otto racconti andrebbero presi come pillole, uno a mattina, per cominciare la giornata col piede giusto e divertirsi a scoprire la piccola felicità che ci aspetta lì, appena aperta la porta di casa: tante donne (ma questo non vuol dire che non possano leggero gli uomini, presenti comunque) alle prese con la loro personale ricerca della felicità, che ci aiuteranno a scorgere anche nella nostra vita la bellezza anche nelle giornate di pioggia. Leggetelo, sarà una bella scoperta!

Il film tratto da Odette Toulemonde, Eric-Emmanuel Schmitt

Dal racconto che ha dato il titolo al libro è stato tratto un film: Lezioni di felicità, che di sicuro vedrò prossimamente, uscito in Italia nel 2008. Regista è proprio Eric-Emmanuel Schmitt, autore dei racconti.
Protagonisti Catherine Frot e Albert Dupontel.
Le musiche sono di Nicola Piovani. Che dirvi di più? 🙂

Odette Toulemonde
Eric-Emmanuel Schmitt
E/O editrice (collana Dal mondo), 2008, pag.191, € 4,19
ISBN: 978-8876418457

photo credits: Morguefile.com

Per acquistare:

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here