Ancora dalle parte delle bambine, Loredana Lipperini

“Da almeno 10 anni a questa parte una sola parola accompagna tutto quello che riguarda il mondo dell’infanzia: allarme. All’insegna del pericolo è stato caratterizzato ogni mezzo che permettesse a bambine bambini di condividere saperi… o scoprire affinità e far fiorire le proprie giovani comunità, così giustamente diverse da quelle dei genitori.”

E’ un’ indagine sui condizionamenti culturali al ruolo di genere delle bambine. Trent’anni fa gli strumenti in uso per “modellare” bambine erano la letteratura infantile, la pubblicità e i giornali. Oggi invece nell’era digitale, di internet, spopolano blog, forum, chat, siti, diari on line e videogiochi.

La recensione di Ancora dalle parte delle bambine, Loredana Lipperini

Le bambine sono spesso indirizzate a concentrate tutte sul loro aspetto fisico, sulla bellezza, su un corpo perfetto ma privo di intelligenza e dignità, sempre alla conquista del principe azzurro, che non è più romantico come un tempo, ma affamato di sesso.

In tenera età le bambine hanno interiorizzato il ruolo maschile e femminile, attraverso i due genitori, dove spesso il papà torna a casa dal lavoro dopo una lunga giornata e si siede in poltrona a leggere il giornale e a guardare la TV. Mentre la moglie, che ha lavorato tutto il giorno fuori casa, deve comunque preparare la cena, occuparsi dei figli e della casa. Questo spesso è il modello che vedono le bambine.

La parità per le donne significa spesso solo doppio lavoro. Sono sempre le donne che allevano i figli maschi che non sono in grado di prendersi cura di se stessi. Anche se nelle coppie moderne anche i papà iniziano ad accudire i figli.

Da alcune statistiche è emerso che la maggior parte delle volontarie sono donne. Mentre dato scontato ma preoccupante è quello che emerso secondo cui sono più gli omicidi di uomini nei confronti delle donne che volevano essere autonome. Gli infanticidi sono commessi più spesso dalle mamme abbandonate a sé stesse e alla depressione. Gli uomini per contro sono quelli che provocano più incidenti stradali, fanno più atti vandalici.

Negli anni anche il mito della verginità è sparito ed il ritorno dei generi si accentuato da metà degli anni novanta.

Concludendo le bambine sognano di essere bambole sexy, già da piccole i giornali le insegnano a truccarsi… Il grembiule non è più rosa, ma rosa è il colore della Barbie.

Buona lettura!

Ancora dalle parte delle bambine
Loredana Liperrini
Feltrinelli , 2007, p. 284, € 8,50

Per acquistare:

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here