L’incredibile corsa dello sciroppo, Alex Cousseau

Quest’anno, all’Incredibile Corsa dello Sciroppo, si contano una decina di temerari partecipanti. Si sentono arrivare da lontano. I rami scrocchiano, le foglie fremono, i cespugli si scostano rivelando la profondità del bosco. Con le pellicce, le piume e anche in pigiama, dentro i gusci, con le bretelle, in giacca e cravatta, ecco tutti i partecipanti che si sistemano con i loro strani automezzi sulla linea di partenza.

Che strana corsa… siamo tutti curiosi di saperne di più vero?

La recensione di L’incredibile corsa dello sciroppo, Alex Cousseau

State per assistere a una gara senza esclusione di colpi, tra incredibili mezzi meccanici e atleti impavidi, colpi di scena e imprevisti! Non siete emozionati? E chi sarà il vincitore quest’anno? Si accettano scommesse!

Ogni anno, ai piedi del grande albero Castelquercia, si tiene una corsa incredibile ed emozionante, cui partecipano equipaggi agguerriti e strambi, ognuno con la propria rombante macchina da corsa. Ed ecco allinearsi sulla linea di partenza veicoli strani e scoppiettanti, con le ali e i cingoli, tubi e palloni. E come in una telecronaca, il lettore potrà seguire la gara, tra colpi di scena, imprevisti catastrofici e vincitori inaspettati.

Una corsa pazza e incredibile, con tantissimi personaggi e molti colpi di scena, sì… incredibilmente assurda e divertentissima!

Il mio parere su L’incredibile corsa dello sciroppo, Alex Cousseau

Si riparte! Oxygurt3 ancora non è riuscito a decollare, ma il suo pilota ElioGabrielo dimostra di essere molto generoso e si offre di trainare Firmino e Basilio. Nelide Bassotti, tornata dalla strada, ne approfitta per sistemarsi nella roulotte lumaca, che è più lenta ma senz’altro più comoda del trattore del nonno.

Quando li ho visti, tutti in fila, così ben disegnati, ho pensato subito un po’ a Richard Scarry e ai suoi disegni fitti fitti e un po’ ad un cartone degli anni ’80, La corsa più pazza del mondo (Wacky Races), dove personaggi divertentissimi si inseguivano su strade tortuose fra mille imprevisti e bizzarri espedienti, altrettanti dispetti e incredibili sorprese… e devo dire che un po’ gli somiglia, questa storia: qui però a contendersi la vittoria sono tantissimi, stranissimi animali, con altrettanti mezzi meccanici… dai fratelli Gluck con la loro Gru dalla vista acuta ad Anastasio Pepino e suo cugino Straub alla guida di Spooky, il treno fantasma, a Jules d’Espinasse, con La Grande Baraberta.

La grafica curatissima e molto evocativa di Charles Dutertre fa il resto: L’Incredibile Corsa dello Sciroppo ci trasporta e ci fa viaggiare in un mondo fatto di particolari microscopici, con l’attenzione tesa ad ogni differenza, con illustrazioni ricchissime, sorprese inaspettate, incidenti assurdi… Ogni pagina è un divertimento, ogni disegno è una gara a chi trova il particolare più simpatico e curioso. Pronti per una partenza a razzo? Via!

Età di lettura: dai 7 anni (ma fino ai 101!)

L’incredibile corsa dello sciroppo
Alex Cousseau
(illustratore: Charles Dutertre)
Sinnos, 2020, pag. 48, € 12,00
ISBN: 978-8876094507

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here