Home Parliamo con ZenBuk: Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno, Ella Berthoud,...

ZenBuk: Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno, Ella Berthoud, Susan Elderkin

0
thumbnail

“[…] in queste pagine si potrà trovare la cura per un cuore spezzato come per una gamba rotta. O una consolazione per certe situazioni difficili nelle quali potreste trovarvi come traslocare, perdere l’aereo o vivere una crisi di mezza età. […]”

L’ultimo capitolo di questo anno passato con ZenBuk lo lasciamo semplicemente alle parole della nostra Amica Psicologa Roberta Michelotto, che anche quest’anno ci ha aiutati a capirne di più su noi stessi e sulla possibilità di risolvere i piccoli problemi della nostra quotidianità.
Da parte mia, il libro che consigliamo oggi staziona spesso sul mio comodino: gli chiedo aiuto nei momenti di incertezza leggera, quella che ha bisogno solo delle parole giuste dette al momento giusto per darti la voglia di affrontare una situazione noiosa e poco piacevole. Considero questo libro come un amico a cui chiedere una spalla su cui appoggiarsi, senza bisogno di altro. Mi piace chiedergli consigli su nuovi libri da leggere e dritte spiritose per fare regali agli amici. A volte – lo ammetto – leggere un certo libro mi ha aiutato anche in situazioni più difficili e spigolose, ma alla fine è vero quel che dice Roberta: leggere fa bene, perché nutre la mente e ti permette di liberarti per un po’ dalle tue preoccupazioni immedesimandoti in altri.

Continuate a leggere, quindi. Continuate a leggerci.
Il 2017 di ZenBuk ci aspetta con una nuova, nuovissima proposta!

Il parere dell’esperto: Roberta Michelotto

È possibile prescrivere la lettura dì un romanzo come terapia per i malesseri dell’anima? Con il libro Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno le due autrici sostengono che la lettura di un buon romanzo (soprattutto i classici) possa essere un aiuto per uscire da momenti di crisi interiore o da situazioni particolari.
Le parole usate sapientemente hanno un potere terapeutico eccezionale. Chi con le proprie parole riesce a toccare l’anima delle persone possiede il dono di poter elevare lo spirito altrui ad uno stato di grazia e di forza interiore, così come di lenire le sofferenze che corrodono la psiche.
La lettura di un buon libro serve per evadere momentaneamente dalla propria realtà, stimola l’immaginazione e la creatività, offre la possibilità di immedesimarsi in altre persone/personaggi in modo da poter vivere una vita “come se”. Leggere stimola alla riflessione, all’introspezione a trovare dentro se stessi le risposte a tante domande.
Così come la terapia è studiata per ogni singola persona, un libro dovrebbe essere scelto con cura prima di poter essere consigliato come lettura rivelatrice di soluzioni o calmante per ogni male.
“Curarsi con i libri” è una bella raccolta di romanzi da leggere. Se possano essere effettivamente d’aiuto alla risoluzione di un malessere, sinceramente non lo so. Sono convinta però che il concetto fondamentale racchiuso in questo libro sia quello di leggere, di abbandonarsi per brevi attimi alla lettura, liberando la mente da tutte le costrizioni imposte dall’esterno o autoimposte. Leggere un libro fa bene.
Come il cibo nutre il corpo, il libro nutre la mente.

“Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me. Alcuni mi portano il riso sulle labbra o la
consolazione nel cuore. Altri mi insegnano a conoscere me stesso.”
(Francesco Petrarca)

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno.
Ella Berthoud, Susan Elderkind
Sellerio (collana Il contesto), 2013, pag. 637, € 15,30
ISBN: 978-8838931130

Per acquistare:

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

NO COMMENTS

Leave a Reply