Premio Bancarella 2010

Il Premio Bancarella 2010, alla sua 58° edizione, è stato vinto da Elizabeth Strout con il libro “Olive Kitteridge” edito da Fazi che ha vinto con 100 voti su 187 schede pervenute superando gli altri cinque finalisti : “S.o.s. Amore” di Federica Bosco ( Newton Compton), “ La scatola dei calzini perduti” di Vauro Senesi ( Piemme), “Il giudice meschino” di Mimmo Gangemi ( Einaudi), “L’assassino qualcosa lascia” di Rosa Mogliasso ( Salani), “Confessione” di Bill James ( Sellerio) .

Note sull’autrice

Elizabeth Strout è nata a Portland (Maine) nel 1956. Poco dopo aver completato gli studi in giurisprudenza ha deciso di abbandonare la professione per dedicarsi alla scrittura, impresa che le è costata molti anni di rifiuti e anonimato fino a quando alcuni suoi racconti hanno trovato spazio su riviste letterarie prestigiose come il “Newyorker” e l’ “Oprah Magazine”.
Poi, nel 1998 viene pubblicato il suo primo romanzo, Amy e Isabelle, che le permette di ricevere il giusto riconoscimento letterario e con il quale si aggiudica il Los Angeles Times Art Seidenbaum Award per l’opera prima e il Chicago Tribune Heartland Prize, oltre ad essere finalista al PEN/Faulkner Prize e all’inglese Orange Prize.
Prima che si riesca a vedere il suo secondo romanzo passano otto anni e Resta con me giunge così in libreria nel 2006, storia di un rapporto difficile tra un padre e una figlia piccola.

Nel 2008 esce il suo terzo romanzo, Olive Kitteridge, che riceve ancora una volta un entusiastico giudizio di critica, e che nel 2009 riceve il prestigiosissimo premio Pulitzer, che la consacra tra i grandi maestri della letteratura americana contemporanea.
Vive nell’Upper East Side di New York dove sta lavorando al suo quarto romanzo.
In Italia Fazi Editore ha pubblicato Amy e Isabelle (1a ed. 2000, e nuova edizione 2010, con la prefazione di Valeria Parrella, traduzione di Martina Testa), Olive Kitteridge (2009, traduzione di Silvia Castoldi). A giugno 2010, uscirà sempre per Fazi Editore Resta con me.

Fonte : gazzettadiparma.it e tafter.it

cinzia
Mamma, lavoratrice full time, 45 anni, una figlia di 14 e la passione per la lettura ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here