La sfida, John Boyne

Non potevo sopportare l’idea che la mamma mi chiedesse scusa per qualcosa. Ero io di solito che le chiedevo scusa per quello che combinavo.

Danny è un ragazzino come tanti, scuola, vacanze, bicicletta, un fratello più grande.
Sua madre torna una sera, più tardi del solito, accompagnata da due poliziotti.
E da quel momento cambierà tutto.

Un incidente, un ragazzino che rischia la vita, un gioco tra ragazzi che ha avuto un prezzo troppo alto.
Un libro che ti ricorda che la vita può cambiare in un secondo, anche se non ne hai colpa.

Un dodicenne che scopre che una madre può anche dimenticarsi dei figli. In circostanze che forse lo rendono comprensibile, ma quanto può pesare su un ragazzino il fatto che, per quanto sia importante il motivo e opprimente il senso di colpa, ci sia qualcosa al mondo che può renderlo invisibile a sua madre? Quanto può lacerare la frase “a me importa di uno solo” sapendo che quell’uno non sei tu?

Duro, realistico, scorrevole e ben scritto. E ancora una volta mi ha ricordato che dobbiamo fare più attenzione alla sensibilità dei “piccoli”. Perché con la scusa di proteggerli, con l’attenuante che non possono capire, spesso li lasciamo soli proprio quando avrebbero più bisogno di noi.

Età di  lettura    da 12 anni

LA SFIDA
 Boyne John
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli  (collana Burextra), 2010, P. 103, €. 10,00

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here