Jezabel, Irène Némirovsky

Gladys aveva della propria bellezza una consapevolezza profonda, che non l’abbandonava mai e le dava una pace interiore in ogni momento della giornata. La sua vita era semplice: vestirsi, piacere, incontrare un uomo innamorato, e poi ancora vestirsi, piacere.

Gladys Eysenach una donna bella, misteriosa e di età indefinibile si ritrova in tribunale accusata dell’omicidio del giovane Bernard Martin con il quale intratteneva un rapporto controverso, sappiamo per certo che è stata nel suo alloggio e gli ha dato dei soldi,  inoltre la bella Gladys aveva un amante ufficiale: il conte Monti. I testimoni sfilano uno dopo l’altro raccontando alcuni particolari della vita di Gladys, ma il quadro dei rapporti tra la vittima e l’assassina non risultano chiari.
Finita la sfilata dei testimoni la narrazione fa un salto temporale e ripercorre la vita di Gladys da quando giovanissima partecipa ai primi balli e si innamora di un uomo già sposato, poi si sposa e pare trovare un equilibrio , ma in seguito alla morte del marito Gladys si ritrova proiettata in un mondo effimero fatto di amanti sempre più giovani e di cure ossessiva per la propria bellezza e di una inquietante paura di invecchiare , paura che viene riattizzata dalla crescita della figlia e necessita di sacrifici sempre più grandi per essere quietata.

Un romanzo forte , inquietante che analizza molto bene una sorta di perversione dell’animo umano , la protagonista infatti non accetta di invecchiare e arriva a uccidere pur di non fare trapelare la sua vera età, ma l’assassinio non è l’unico misfatto che commette.
Mentre leggevo mi infastidiva talmente l’egocentricità della protagonista che mi veniva da proiettare sull’autrice questa mia antipatia, per poi scoprire che il personaggio così ben descritto è stato ispirato dalla madre.

Jezabel
Irène Némirovsky
Adelphi , 2007, p 194, € 17,00

over quaranta, mamma, geometra e creativa con una fresca passione per il web e una vecchia passione per i libri in tutte le forme sia cartacea che digitale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here