Gatti, merletti e chicchi di caffè, Anjali Banerjee

Lily giovane vedova, non riesce più a convivere con l’assenza del marito Josh e decide di caricare tutti i suoi beni sul rimorchio dell’auto  e di andare in cerca di una nuova vita, approda nella brumosa Shelter Island dove in un locale il fascinoso barista le offre insieme al mocaccino un cioccolatino a forma di chicco di caffè dicendole che la aiuterà a realizzare i suoi sogni.

Lily non crede nella magia ma in fondo alla strada vede un cottage vittoriano color burro con le persiane bianche e la veranda blu e contro ogni logica apparente decide di acquistarlo e di aprire lì un negozio di abiti vintage.
Micina è una randagia speciale , riesce a percepire i pensieri delle persone sia in carne e ossa che in “spirito”, e di spiriti inquieti nel vecchio cottage ce ne sono parecchi.

E’ proprio ciò che fiuto in questo negozio, tra il sudore e il sale delle lacrime. Gioie e dolori legati al passato, emozioni che gli esseri umani sono incapaci di togliersi di dosso.

Ed è così che Lily e Micina si trovano volenti o nolenti a convivere nel vecchio cottage e a spartire scatolette di tonno, gioie e dolori e nuove conoscenze, perchè la cittadina è piccola ma tutti si conoscono e sono curiosi di capire qualcosa in più della nuova arrivata.
Riuscirà Lily a far pace con i suoi fantasmi?

Un romanzo coinvolgente e dalle atmosfere suggestive , adatto come lettura vacanziera ma senza essere banale.

 

Gatti, merletti e chicchi di caffè

Anjali Banerjee
Rizzoli, 2012, p. 249, €. 16,50
Per acquistare:

over quaranta, mamma, geometra e creativa con una fresca passione per il web e una vecchia passione per i libri in tutte le forme sia cartacea che digitale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here