Ottobre 2020: 100 anni di Gianni Rodari

È difficile fare le cose difficili: parlare al sordo, mostrare la rosa al cieco. Bambini, imparate a fare le cose difficili: dare la mano al cieco, cantare per il sordo, liberare gli schiavi che si credono liberi.
(G. Rodari, Parole per giocare)

E’ giunto ottobre, coi suoi profumi di fungo e castagna, col fuoco nel camino e la copertina sul divano.

Per ZeBuk (e per tutti coloro che amano la lettura, la cultura, la fantasia) è giunta anche l’ora di festeggiare i 100 anni dalla nascita di un personaggio importantissimo, non solo per i bambini a cui si è dedicato in gran parte delle occasioni: Gianni Rodari.

Scrittore, pedagogista, giornalista, poeta e partigiano, ci ha donato le ali della fantasia per volare alti. Potremmo aggiungere tanti altri doni, ma questo a mio parere è il più importante, quello che tutti noi dovremmo coltivare in maniera accurata, perché più prezioso: la fantasia.
Fondamentale nelle sue opere, la fantasia ha dato il titolo alla sua opera più nota: La grammatica della fantasia. 

Ma non la troviamo solo in quel libro, la fantasia: gioca con le parole, fa a nascondino con i significati, si prende gioco di un signore di Santhià, a cui fa credere di esser giunto a destinazione e invece…

Per colpa di un accento
un tale di Santhià
credeva d’essere alla meta
ed era appena a metà.
(da Il libro degli errori)

Non solo, la fantasia è l’ingrediente magico che Gianni Rodari suggerisce di usare con i bambini, ma anche con i grandi:

Quello che io sto facendo è di ricercare le “costanti” dei meccanismi fantastici, le leggi non ancora approfondite dell’invenzione, per renderne l’uso accessibile a tutti. Insisto nel dire che, sebbene il Romanticismo l’abbia circondato di mistero e gli abbia creato attorno una specie di culto, il processo creativo è insito nella natura umana ed è quindi, con tutto quel che ne consegue di felicità di esprimersi e di giocare con la fantasia, alla portata di tutti.
(dalla quarta di copertina della prima edizione)

 

Insomma, la fantasia è alla base della teoria e della tecnica (e anche, direi, della vita) di Gianni Rodari.
E – forse – dovrebbe essere molto più considerata anche da tutti noi!

Buon 100mo compleanno, Gianni Rodari!

 

Se un bambino scrive nel suo quaderno «l’ago di Garda», ho la scelta tra correggere l’errore con un segnaccio rosso o blu, o seguirne l’ardito suggerimento e scrivere la storia e la geografia di questo «ago» importantissimo, segnato anche nella carta d’Italia. La Luna si specchierà sulla punta o nella cruna? Si pungerà il naso?
(da La grammatica della fantasia)

A ottobre impareremo tutti ad usare meglio la fantasia, quindi!
Nel frattempo ci aggireremo tra letture svariate, per tutti i gusti, per solleticare la fantasia e darvi più occasioni di sfruttare la copertina nuova che avete appena appoggiato sul divano… 🙂

Credevate che non ce ne fossimo accorti, vero? La verità è che noi siamo uguali a voi e che abbiamo tutti atteso l’autunno per lo stesso, immenso, incommensurabile piacere: divano, copertina e un buon libro in cui tuffarsi!

Perché ormai lo sapete:
ZeBuk siamo noi
ma siete soprattutto voi!

Mamma, lavoratrice full time, 45 anni, una figlia di 14 e la passione per la lettura ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here