Il mare in fondo alla strada, Marco Bernini

1986: un gruppetto di adolescenti alle prese con l’estate, il mare e le ragazze. Il tutto a suon di musica. La musica di quegli anni, i “mitici anni ’80”, che – con una traccia musicale all’inizio di ogni capitolo – accompagna piacevolmente la lettura del libro e ti fa tornare ragazzina insieme a Marco, Tony, Maso e il Bitta.

Nella scanzonata Livorno estiva si trova anche un’altra ragazza: quella che fa innamorare Marco, quella Bella, quella Impossibile, quella che ti conquista e se ne va, fregandosene delle conseguenze. Il ‘percorso di crescita’ di Marco e del suo gruppo di amici passa attraverso avventure e sofferenze, giri in motorino e gare di nuoto, sempre alla ricerca di Lei; fino al giorno in cui Marco si rende conto quale sia la cosa giusta da fare…

Ricordi malinconici e pieni di nostalgia (nonché di un’obiettiva presa di coscienza sull’età che avanza, mentre ripenso alle canzoni citate nel testo… ;-)!), accompagnati però da tante risate, che nascono dal cuore durante la lettura: ironia e tenerezza che si provano per questi personaggi, per la loro età (e per quella che fu anche la nostra!) e per il modo ‘assoluto’ in cui si vivono le scoperte e le attese dell’adolescenza, con tutti i suoi piccoli drammi, con le gioie e i dolori, con tutto l’entusiasmo che deve esserci nell’avventura del ‘crescere’.

Questo è il secondo libro scritto da Marco Bernini, ed è il seguito del suo primo, I racconti della balaustra. In realtà il primo non l’ho ancora letto ma lo farò presto e vi farò sapere…

IL MARE IN FONDO ALLA STRADA
Marco Bernini
SEF Editrice, 2008, 96 pag.
ISBN 9788860320841
Link: SEF Editrice

polepole
Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here