Mille splendidi soli, Khaled Hosseini

Non si possono contare le lune che brillano sui suoi tetti, né i mille splendidi soli che si nascondono dietro i suoi muri.

La recensione di Mille splendidi soli di Khaled Hosseini

Mille splendidi soli è la storia di Mariam e Laila, due donne diverse ma accomunate dall’essere sposate allo stesso uomo violento e oppressivo, Rashid.
È la storia di Kabul e del paese attraverso quaranta anni, dall’occupazione russa alla presa di potere dei mujaheddin e le lotte interne alle varie fazioni per arrivare agli anni subito successivi agli eventi dell’11 settembre.

Mariam è una harami cioè una figlia nata fuori dal matrimonio costretta a quindici anni a sposare Rashid e a lasciare la sua città per trasferirsi a Kabul.
Mariam vivrà segregata in casa, vittima della violenza e della brutalità di Rashid e quando Laila, dopo aver perso tutta la famiglia durante un bombardamento, accetterà di sposare Rashid, tra le due donne si svilupperà una grande amicizia che le aiuterà a sopportare i soprusi.

La mia opinione su Mille splendidi soli di Khaled Hosseini

Mille splendidi soli è un romanzo emozionante che attraverso la storia di due donne tratteggia un intero paese, l’Afghanistan.
Mai attuale come adesso, leggere Mille splendidi soli è scoprire un mondo di speranze, illusioni, lotte, violenze, scontri politici ed etnici.
È indignarsi per una società dove le donne sono considerate accessori del marito, senza diritti, nemmeno quello di avere un volto perché oscurato dal burqa, o una voce. Donne offese, picchiate, fucilate in un mondo dove il più forte decide per tutti.

Khaled Hosseini attraverso Mariam e Laila racconta come il sostegno di un’altra persona e l’amicizia possano salvare, di quanto il sapersi amate e sostenute sia indispensabile per resistere e trovare ogni giorno un motivo per andare avanti.

Mille splendidi soli è un romanzo immenso, emozionante, vibrante, una grande storia di coraggio e resistenza. Un libro che racconta la guerra nella sua brutalità così come la condizione della donna sotto il regime talebano e che finisce con l’immagine bellissima dei bambini, maschi e femmine, di nuovo a scuola insieme, felici per la ricostruzione di Kabul dopo la fine del regime talebano.
Alla luce degli avvenimenti delle ultime settimane non si può non avvertire una stretta al cuore leggendo l’ultimo capitolo del libro e sperando che l’immagine che ci lascia, un paese in ricostruzione pieno di speranze, non venga spazzata via.

Buona lettura.

Mille splendidi soli
Khaled Hosseini
Piemme, 2014, p. 407, €. 11,90

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here