Narrativa Italiana

Sono nata il 2 novembre. Era forse un presagio dell’attività a cui mi sarei dedicata? O addirittura quella sottile malinconia, che senz’altro si palpava il giorno della mia nascita, poteva far presagire gli eventi successivi? Separata? Single? Macché. La definizione che più di ogni altra esprime la condizione femminile dopo...
Ogni volta, ogni giorno, l’odore di sua figlia le ricordava che si poteva essere sereni, non gravati dalle cose, goditi questo tempo avrebbe voluto dirle ma si sa, è impossibile spiegare ai bambini quanto sono fortunati a essere bambini. Un noir, una storia nera che parla di violenza domestica, tragicamente...
"Fisica, chimica e matematica sono modelli chiusi dalle risposte precise. Risposte che non sempre servono alla vita." La recensione di Una felicità semplice, Sara Rattaro Un giorno Cristina entra in un negozio per fare la spesa, e un uomo la afferra alle spalle e le punta qualcosa alla schiena. E così quella...
Mi volto indietro e lo vedo di spalle, col passo sicuro di chi, nella vita, sa il fatto suo. Vorrei rincorrerlo, supplicarlo, dirgli di pensarci bene, la nostra storia non può essere davvero al capolinea. Ma non ho neppure la forza di mettere un piede davanti all’altro. Inchiodata al...
Eva vuol dire Vita. E la vita è difficile, a tratti brutale, ma certamente stupenda. Il frutto della passione è un inno alla rinascita, alla gioia, alla vita, scritto con la consapevolezza che, se anche non si ha alcuna scelta sul proprio destino, certamente si può scegliere come affrontarlo. La recensione di...
Per tutto il viaggio l'acqua non ha smesso di cadere un momento. Veniva giù a dirotto, un lenzuolo liquido che il vento faceva oscillare scaricandolo a sciabolate sull'auto. Emma raggiunge la sommità della collina e si infila in una piazzetta sterrata. Cerca con gli occhi un varco nel labirinto tra...
Nell'ospedale faceva molto caldo, era la fine di maggio e c'era solo un ventilatore con le pale attaccato al soffitto che girava lentamente terrorizzandomi,ero certa che sarebbe diventato un gigante e mi avrebbe schiacciato peggio delle pareti. Un medico che bollai come vecchio brutto e calvo venne a dirmi...
"La pena capitale «è sbagliata, sempre e comunque, anche per chi si è macchiato di un crimine efferato oltre ogni ragionevole dubbio». È soltanto una vendetta, «di Stato, ma pur sempre vendetta»." Recensione Un giorno lo dirò al mondo, Alessandro Milan In Virginia a Norfolk nel settembre del 1993 nel fiume...
La bomba dell'adolescenza non ero io, non era la nostra rabbia contro i coetanei, la scuola, non il senso di inferiorità, non il rifiuto di un mondo che progrediva senza di noi. Né frustrazione, umiliazione, neppure il corpo mostruoso che credevamo di avere e in fondo non avevamo -...
Tutte le vite iniziano con una donna e così anche la mia, una donna con i capelli rossi che entra in una stanza e ha addosso un completo di lino, l'ha tirato fuori dall'armadio per l'occasione, se l'è comprato al banco di Porta Portese, il banco buono dei vestiti...
Penso alle sagge parole di mio nonno: "Percorri la tua strada e non voltarti mai indietro, altrimenti non ti godi il paesaggio della vita. Percorri la tua strada qualunque essa sia, ma evita il tratto di Borgo Panicale - Sasso Marconi direzione Bologna, che se la trovi intasata non...
E nella penombra del suo soggiorno, quasi per istinto e per quell'inconscia attrazione che sin da bambina aveva avuto per gli specchi, si avvicina alla superficie speculare della cornice in ottone che sovrastava uno dei pezzi d'arredo e vi si rivedeva con Emiliano avvolto nella copertina in lana bianca...
La recensione di Costanza e buoni propositi di Alessia Gazzola Costanza ha una vita che è un turbine. Continua il suo lavoro come paleopatologa, anche se in realtà lei vorrebbe fare ciò per cui ha studiato ossia l'anatomopatologa, e accetta che Marco, il ragazzo da cui ha avuto Flora, riconosca la...
Lo conoscevamo tutti come "Pippo", il cacciabombardiere che di sera, quando faceva buio, passava per le sue perlustrazioni. A volte lasciava cadere giù delle striscioline argentate. Erano tante, sottili sottili. Dicevano che servivano a confondere i radar nemici. Io so solo che il rifugio non era ancora stato costruito...
Ho sempre avuto una passione per gli incipit dei romanzi.Li trovo magnetici: Mi portano su strade che non ho mai percorso, in luoghi che non ho mai visitato, dentro vite che non sono la mia e che pure in qualche modo sento che mi appartengono, che finiscono con l'impadronirsi...

Gli articoli più letti nell'ultima settimana